Stampa Stampa
136

OLIVADI (CZ) – SPOPOLAMENTO E LAVORO, LE PRIORITA’ DI NICOLA MALTA


Neo sindaco, giovane in una lista giovane, indica le linee del nuovo percorso amministrativo. “Invertire attuale tendenza con idee mirate”

Articolo e foto di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

OLIVADI (CZ) – 20 GIUGNO 2017 –  Vince la lista “Uniti per la rinascita”, 246 voti, contro i 165 della lista “Olivadi nel cuore” dell’ex sindaco Renato Puntieri.

Un vero ribaltone con ben 81 voti di scarto, non sono pochi per un piccolo centro come Olivadi. Vince le elezioni amministrative Nicola Malta, giovane vigile del fuoco part time e sub agente assicurativo, un vero e proprio ribaltone che ha visto soccombere Renato Puntieri l’ex sindaco uscente ed ex presidente del Gal  delle Serre, ma Olivadi decide di voltare pagina e vota un giovane tra i giovani, una scommessa vincente la sua,  una lista formata da giovani con idee chiare evitare lo spopolamento di questo piccolo centro collinare con iniziative mirate.

«La nostra lista –  dice il neo sindaco Nicola Malta –  è formata non da forze politiche, ma bensì da persone provenienti da esperienze culturali diverse, che si  mettono a disposizione di tutta la comunità con la loro esperienza.”Unione”  e “Rinascita”, queste le parole chiave del nostro percorso amministrativo, frutto di una attenta valutazione dell’attuale realtà locale e dalle idee e dai contributi dei nuovi esponenti, un programma che ci ha visto vincitori, un programma per la gente tra la gente, i cittadini saranno stimolati a fare meglio, un percorso da attuare nel pieno rispetto della trasparenza amministrativa aperto al confronto e al dialogo, quello non deve mancare mai, necessario – continua Malta –  per un arricchimento democratico ispirato ai principi della democrazia partecipata, della solidarietà e della tolleranza».

Allora quali gli obbiettivi?

«Quello di cogliere in pieno incrementandole, le potenzialità del sistema locale con iniziative atte a rendere il paese più vivibile ed invertire l’attuale tendenza che vede protagonista lo spopolamento, il municipio deve essere la casa di tutti».

Ci sono idee nell’ambito del lavoro e delle attività produttive?

«In un periodo di forte crisi economica,continua Malta,il comune deve avere necessariamente un ruolo di facilitatore e dovrà lavorare in sinergia con i comuni limitrofi,e gli enti sovra comunali, per questo cercheremo di utilizzare gli spazi comunali per creare un piccolo mercato del lavoro e sostenere in collaborazioni con le associazioni locali, la creazione di una cooperativa di giovani disoccupati o neolaureati, ed ancora – continua Malta –  la cultura come fattore aggregante che permetta ai cittadini di riappropriarsi del territorio attraverso la apertura della biblioteca, l’offerta del cinema nel periodo estivo e l’organizzazione di incontri, per questo da subito – conclude il sindaco Nicola Malta – ci sarà da rimboccarsi le maniche per mantenere gli impegni presi con i cittadini».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.