- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

OLIVADI (CZ) – CONSIGLIO, SCHIERAMENTI A CONFRONTO SU VARIAZIONE DI BILANCIO

Seduta in programna giovedì prossimo

di Franco POLITO

OLIVADI (CZ) – 30 NOVEMBRE 2015 –  Due punti all’ordine del giorno. Sono quelli del consiglio comunale fissato dal sindaco Renato Puntieri in seduta ordinaria di prima convocazione per giovedì prossimo alle ore 17 e, in seconda convocazione, alla stessa ora del giorno successivo.

Dopo la formalità della lettura e dell’approvazione dei verbali della seduta precedente, maggioranza e opposizione si confronteranno sulla ratifica della delibera del primo cittadino n. 48 dello scorso 9 ottobre rigurdante una variazione urgente del bilancio di previsione 2015.

 Intanto dall’uffiicio tecnico arriva l’avviso pubblico del primo esperimento  dell’asta per la vendita di materiale boschivo del lotto radicato in località “Fosso Marradi” del Comune di Centrache ma di proprietà del Comune olivadese, nell’ambito del Piano di gestione forestale dei boschi anni 2009/2018.

La vendita, che si svolgerà il prossimo 21 dicembre alle ore 10,30 con offerte segrete in aumento sul prezzo base di 19 mila 057 euro, rigurda 190 piante di alto fusto, tra cui pino marittimo, e un bosco di castagno da utilizzare a taglio raso da utilizzare con il rilascio di 94 matricine.  Per presentare la domanda di partecipazione le ditte interessate hanno tempo fino alle ore 12 del prossimo 18 dicembre.

A proposito di gare ed appalti pubblici, sempre dall’ufficio tecnico fanno saper che «è stata esperita la gara d’appalto, mediante procedura negoziata e con il criterio del prezzo più basso mediante offerta a corpo, per l’aggiudicazione della fornitura di impianto fotovoltaico per la “Realizzazione di “Centro per le energie rinnovabili – Recupero dell’ex mattatoio per laboratorio produzione sapone da olii vegetali esausti (1° lotto – Recupero mattatoio, realizzazione laboratorio, area espositiva e vendita)”.

Se l’è aggiudicata definitivamente la ditta “Soverino Impianti Srl” «che  – dicono dall’ufficio tecnico –  ha presentato un’offerta complessiva di 11 mila 980 euro, oltre Iva, per un ribasso percentuale dello 0,167%, sull’importo a base d’asta di 12 mila euro».