Stampa Stampa
92

NOMINE TERRITORIALI FI, CIRCOLO CHIARAVALLE CENTRALE “STORCE IL NASO”


Il coordinamento cittadino: “Non solo non condivise ma non tenuto conto di chi negli anni ha contribuito a crescita partito”

di REDAZIONE

 CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) –  12 GIUGNO 2021 –  “Il coordinamento cittadino di Forza Italia, nel prendere atto delle ultime decisioni assunte dal partito a livello provinciale e regionale, non può astenersi dal manifestare il proprio disappunto rispetto a tali scelte, anche con riferimento alla recente nomina del neo coordinatore del basso ionio, le quali, non solo non sono state condivise, ma che, in alcun modo, hanno tenuto conto di quanti in questi anni, animati da grande spirito di servizio e condividendone gli ideali e le finalità, hanno lavorato per il partito, contribuendo in modo considerevole alla sua crescita”.

Così, in una nota, il Coordinamento cittadino di Chiaravalle centrale di Forza Italia. 

“A tal proposito, riteniamo, dunque, opportuno rammentare ai vertici del partito, ciò che Forza Italia ha rappresentato e, tuttora, rappresenta nella città di Chiaravalle Centrale. Un partito che può contare sul sostegno di numerosi sostenitori e simpatizzanti e che nel 2018 con ben 759 voti alla Camera e 751 voti al Senato, ha concretamente contribuito all’elezione di Wanda Ferro alla Camera e di Peppe Mangialavori al Senato, divenendo il primo partito in città. -continua la nota- 

Questi che, apparentemente, potrebbero sembrare solo dei numeri, in realtà, sono il frutto di chi in questo partito ha sempre creduto e ha continuato a lottare anche quando lo stesso ha raggiunto i suoi minimi storici, senza, tra l’altro, mai cambiare bandiera o vendersi al migliore offerente.

Rappresentano, dunque, l’impegno, il sacrificio, la passione e la tenacia che hanno sempre contraddistinto il nostro operato e che oggi non ci consentono di rimanere in silenzio di fronte a quello che sta accadendo”.

 “Condividiamo, dunque, le perplessità che da più parti giungono da esponenti storici del partito, dai consiglieri provinciali e da altri coordinamenti cittadini per questo pseudo modo di intendere la politica che separa, anziché unire. -conclude il Coordinamento-

 Le nostre rimostranze che, certamente, non sono animate da ragioni personali e men che meno da rancori verso chicchessia, hanno come unico obiettivo quello di riprendere un percorso che sia il più possibile condiviso a tutti i livelli e che ci permetta di raggiungere altri ed importanti traguardi, ad iniziare dalle prossime elezioni regionali dove ci si auspica una condivisione nella scelta dei candidati e che siano reale espressione di tutto il territorio e non il frutto di interessi personali o di parte”. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.