Stampa Stampa
31

NO ALLA CATTIVA AMMINISTRAZIONE, GIUNTA DI ARGUSTO APPROVA IL PIANO ANTI CORRUZIONE


Argusto, veduta

Al primo posto azioni di prevenzione e di contrasto dell’ illegalità

di Franco POLITO

ARGUSTO (CZ) –  9 FEBBRAIO 2020 –  «L’obiettivo è quello di combattere la “cattiva amministrazione”, ovvero l‟attività che non rispetta i parametri del “buon andamento” e “dell’mparzialità” e, quindi, l’illegalità”».

Sono le parole che la giunta comunale del sindaco Valter Matozzo usa per approvare il Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza  2020 – 2022.

«Prevenire il rischio di corruzione nell’attività amministrativa dell’ente  – aggiungono dalla Giunta –  è lo sforzo che emerge dalle finalità del Piano. Al primo posto, dunque, azioni di prevenzione e di contrasto dell’ illegalità».

La Giunta, inoltre, sottolinea come nel «linguaggio giuridico italiano, il termine “corruzione” è stato finora un termine essenzialmente penalistico, con il quale ci si è riferiti a specifiche figure di reato.  Questa accezione, restrittiva, è stata coerente con la circostanza che la lotta alla corruzione si è svolta finora principalmente sul piano della repressione penale.

Esiste, tuttavia, anche nel linguaggio giuridico, un’accezione più ampia del termine, che è connessa alla prevenzione del malcostume politico e amministrativo, da operare con gli strumenti propri del diritto amministrativo».

Il Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza del Comune di Argusto  fornisce il diverso livello di esposizione degli uffici al rischio di corruzione e di illegalità e indica gli interventi organizzativi volti a prevenire il medesimo rischio;  definisce le misure per la prevenzione della corruzione, in particolare per le attività a più elevato rischio di corruzione; disciplina le regole di attuazione e di controllo dei protocolli di legalità o di integrità.

E ancora, indica le procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti chiamati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione, prevedendo negli stessi settori, laddove attuabile e in ragione della dotazione organica e delle professionalità effettivamente presenti, la rotazione dei Responsabili degli uffici e dei servizi e del personale. 

E, infine, contiene, in una apposita sezione, l‟individuazione dei responsabili della trasmissione e della pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del decreto legislativo 33/2013 come modificato dal decreto legislativo  97/2016; detta i criteri per l‟integrazione delle azioni per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza con i controlli interni ed il piano delle performance.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.