Stampa Stampa
22

‘NDRANGHETA, SEQUESTRATI BENI A PRESUNTO AFFILIATO


Avrebbe indicato a cosca imprese da sottoporre a estorsioni

Fonte: ANSA.IT CALABRIA 

REGGIO CALABRIA – 27 MARZO 2022  – Beni mobili e immobili e un’impresa riconducibili ad un imprenditore di Reggio Calabria sono stati sequestrati dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Reggio Calabria, con il coordinamento della Dda.

Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria.

La figura criminale di D.F. emersa, secondo quanto riferito dagli investigatori, nell’ambito della operazione denominata “Helianthus”, che ha portato alla sua condanna in primo grado per associazione di tipo mafioso, in quanto ritenuto partecipe dell’assetto mafioso di appartenenza, con funzioni direttive ed organizzative.

In particolare l’uomo è stato individuato quale storico affiliato di una cosca operante nel comune di Reggio con il compito di fornire indicazioni operative alla cosca indicando le imprese da sottoporre ad estorsione e ricevendone i relativi proventi.

Da qui è partita l’indagine economico/patrimoniale, finalizzata ad avanzare la proposta di applicazione della misura di prevenzione personale e patrimoniale.

Gli accertamenti fatti hanno consentito di ricostruire le acquisizioni patrimoniali effettuate durante il periodo dell’affiliazione mafiosa dell’imprenditore rispetto alla sproporzione reddituale dichiarata ai fini delle imposte sui redditi. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.