Stampa Stampa
11

‘NDRANGHETA, IMPRENDITORE CROTONESE CHIEDE RISARCIMENTO 8 MILIONI


Richiesta in processo cosche crotonese, ramificazioni in Umbria

di REDAZIONE 

CATANZARO – 8 OTTOBRE 2020  – Una richiesta di risarcimento danni di otto milioni di euro.

E’ quella richiesta dall’imprenditore turistico e testimone di giustizia Giovanni Notarianni, titolare del villaggio turistico “Porto Kaleo” di Cutro nel corso del processo ad alcune cosche del crotonese, che si sta svolgendo a Catanzaro in Tribunale.

Nel corso dell’udienza l’avvocato Michele Gigliotti, che rappresenta Notarianni, ha illustrato, attraverso una specifica perizia, i danni subiti dall’imprenditore a causa delle estorsioni, dei danneggiamenti, dell’imposizione di manodopera e forniture che ha subito, chiedendo, tra l’altro, che il risarcimento venga liquidato in sentenza e non in separata sede.

Notarianni, tra l’altro, con le proprie denunce, ha fornito un contributo decisivo alle indagini che hanno portato all’arresto dei presunti affiliati alle cosche.

Nell’ambito del processo il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro, Antonio De Bernardo, che é stato affiancato nell’inchiesta dal sostituto Domenico Guarascio, ha chiesto la condanna di 59 degli imputati a pene varianti tra i 20 anni ed i 6 anni di reclusione. Chieste anche quattro assoluzioni.

Dal dibattimento sono emerse, inoltre, le ramificazioni delle cosche cutresi in Umbria, con interessi in varie attività economiche.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.