Stampa Stampa
20

MUSICA E DINTORNI, IL PIANISTA CATANZARESE FRANCESCO GRANO INCANTA IL PUBBLICO DEL POLITEAMA


Il programma del concerto si è incentrato su brani di repertorio caratterizzati dalla comune ricerca verso nuovi modi di esprimersi, rispetto alla tradizione musicale dell’epoca

di Salvatore CONDITO

CATANZARO – 15 OTTOBRE 2022 – Lunedì 10 ottobre  si è tenuto, al Teatro Politeama “Mario Foglietti” di Catanzaro, il recital solitico del pianista Francesco Grano.

 Il concerto è stato organizzato dalle associazioni “Libellula-afasp”, “Cantiere Musicale Internazionale” e “Progetto Gedeone” in occasione della Giornata Mondiale per la Salute Mentale.

Originario di Catanzaro, Grano si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio di Musica “Licinio Refice” di Frosinone all’età di 17 anni. Successivamente ha conseguito il diploma di alto perfezionamento presso la prestigiosa Accademia Pianistica Internazionale “Incontri con il Maestro” di Imola, sotto la guida di Roberto Giordano, Enrico Pace e Piero Rattalino.

Fin dall’età di nove anni ha tenuto regolarmente concerti pubblici in molte città italiane ed estere (Francia, Polonia, Belgio, Olanda, Emirati Arabi). È stato solista anche con diverse orchestre quali “I Solisti Aquilani”, la “Youth Orchestra del Teatro Comunale di Bologna” e la “Roma Tre Orchestra”.                

Il programma del concerto si è incentrato su brani di repertorio caratterizzati dalla comune ricerca verso nuovi modi di esprimersi, rispetto alla tradizione musicale dell’epoca.

Le opere proposte sono nate da esigenze artistiche precise, che tramite intuizioni e tentativi, hanno portato a significative innovazioni delle tecniche e dei mezzi compositivi.

Nello specifico, Grano ha eseguito la Sonata n. 28 op. 101 di Beethoven, la raccolta “Gaspard de la Nuit” di Ravel (considerata tra le composizioni più complesse di tutta la letteratura pianistica) per concludere con la Ballata n. 4 di Chopin. Su richiesta del pubblico, Francesco Grano hal concesso al termine della serata due bis fuori programma: il “Cigno” dal “Carnevale degli Animali” di Saint-Saëns, nella trascrizione di Leopold Godowsky, e un brano tratto dai “BunteBlätter” (“Fogli Colorati”) di Schumann.

 Il maestro e compositore Luigi Cimino, alla fine del concerto, si è complimentato con il  maestro Francesco Grano per il grande successo ottenuto. “Grande tecnica – ha precisato Luigi Cimino – ottimo bilancio e controllo del suono  in relazione all’uso dei pedali, degli Hz, Db, Wat/m2, corde, tocco dei tasti.

Espressione ai livelli alti, interpretazione con emozioni e informazioni importanti degli autori classici degli 88 tasti e del Maestro  Grano. Auguri per un futuro luminoso sulla strada delle 7 note”.

Per il giornalista Luigi Stanizzi, la musica che esegue magistralmente il maestro Francesco Grano “tocca le corde del cuore.      

Elegante e originale la gestualità del pianista – ha aggiunto Stanizzi –  le sue mani sembrano invitare il suono ad uscire dal pianoforte, con uno stile squisitamente personale. Dolcezza, decisione, virilità, classe, le sue dita danzanti scorrono sulla tastiera, precise, inesorabili, armoniose.

Il pianoforte dominato da Grano talvolta sembra trasformarsi in un’arpa. Francesco Grano ha incantato il pubblico privilegiato del Politeama, creando un’atmosfera magica che solo la grande musica, e un grandissimo pianista, sanno regalare”.

Applausi senza fine, ovazione per il maestro Francesco Grano, orgoglio catanzarese e vanto nazionale e internazionale. “Mai visto nulla di simile”, è il commento degli habitués del Politeama che già chiedono:  a quando un grande concerto del maestro Francesco Grano a Catanzaro e in altre città calabresi?

L’incasso dell’evento, inserito all’interno del progetto “Fareinsieme – relazione per l’inclusione”, è stato interamente devoluto a sostegno dei ragazzi con disabilità psichica residenti sul territorio regionale.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.