Stampa Stampa
321

MONTEPAONE (CZ) – PENSIONATO MORTO DOPO INCIDENTE, PROCURA INDAGA PER OMICIDIO COLPOSO


Conferito incarico al medico legale per eseguire l’autopsia. Famiglia, a sua volta,  ha deciso di avvalersi di un consulente di parte. Uomo morto dopo venti giorni di coma

Articolo e foto di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

MONTEPAONE (CZ) – 4 GENNAIO 2016 –  Si è svolta  presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Reggio Calabria innanzi al pm delegato, l’udienza di conferimento dell’incarico al perito nominato dall’ufficio inquirente, Dr. Matarazzo, ad espletare l’autopsia sul corpo del Sig. Tuccio Domenico Antonio, pensionato settantacinquenne deceduto lo scorso 28 Dicembre nei locali dell’Ospedale Riuniti di Reggio Calabria in ragione delle gravi lesioni subite in seguito all’incidente stradale che lo ha visto coinvolto qualche giorno fa in Montepaone Lido.

La Procura di Reggio Calabria su rogatoria della procura di Catanzaro per tramite del procuratore Debora Rizza, dunque ha disposto con urgenza  tutti gli atti necessari si  indaga per l’ipotesi di reato prevista dall’art. 589 c.p., Omicidio colposo, nei confronti della presunta responsabile del sinistro, una donna residente in Montepaone, ed il proprio Consulente doveva  accertare attraverso l’indagine autoptica i motivi che hanno condotto il Sig. Tuccio alla morte dopo avere trascorso oltre 20 giorni in coma farmacologico.

La famiglia della vittima, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Vincenzo e Caterina Garzaniti del foro di Catanzaro, attraverso i propri legali ha confermato la volontà di incaricare un consulente di parte, Dr. Cardamone, il quale assisterà all’autopsia di concerto al medico legale indicato dalla Procura, tanto al fine di vedere tutelati i relativi diritti nella memoria del proprio congiunto.  

E l’esame autoptico eseguito sulla salma del Sig. Tuccio presso l’ospedale riuniti di Reggio Calabria e condotto dal Dr. Matarazzo, perito incaricato dalla Procura di Reggio Calabria , e dal nostro consulente di parte Dr. Cardamone, dicono i legali della famiglia Tuccio, si è appena concluso con  accertamento del nesso causale diretto tra la morte e l’incidente senza intervento alcuno di concause di altra natura.

Ora il fascicolo dell’indagine verrà rimandato alla Procura di Catanzaro che procede per competenza. Il defunto verrà trasferito oggi pomeriggio a Montepaone ove avranno luogo le esequie. Per la cronaca,Il pensionato si era recato  in mattinata a piedi come ogni giorno dalla sua  abitazione sino a  via Mazzini e poi per la rotatoria che da via Mazzini immette in via San Francesco da Paola, ma era stato urtato da uno specchietto di una autovettura in transito,questo aveva fatto perdere equilibrio al pensionato cadendo al suolo in modo violento e battendo la testa,immediati erano stati i soccorsi.

L’uomo veniva inizialmente portato  per le prime cure del caso,al reparto di pronto soccorso dell’ospedale di Soverato,ma ai sanitari di turno erano apparse troppo gravi le lesioni tanto da indurre i sanitari a chiedere  un posto letto al presidio medico ospedaliero Pugliese – Ciaccio di Catanzaro,ma ottenendo una risposta negativa si era deciso per il trasferimento in ambulanza agli ospedali riuniti di Reggio Calabria, il pensionato era stato operato d’urgenza per un vasto ematoma alla testa,entrato in coma non si era mai ripreso fino purtroppo al suo decesso,ora passa tutto in mano alla procura.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.