Stampa Stampa
305

MONTEPAONE (CZ) – PARLA DON PIETRO POLITANÒ: «NESSUNA INGERENZA POLITICA SUL MIO TRAFERIMENTO»


“E’ solo frutto di una mia richiesta al Vescovo”

Articolo di Gianni Romano (Il Quotidiano del Sud)

MONTEPAONE (CZ) – 20 SETTEMBRE 2016 –  Don Pietro Politanò, vice parroco di Montepaone centro storico, trasferito ad altra sede, tiene a precisare che non c’è stata nessuna ingerenza politica, ma semplicemente un normale trasferimento chiesto da lui.

“Sono costretto a chiederle ospitalità per queste mie righe, dice don Pietro, perché tirato in ballo da un articolo nel quale vengono riportati pensieri e parole, circa il mio trasferimento dalla parrocchia Maria SS. Immacolata, del tutto destituiti di fondamento e falsi, probabilmente ispirati da chi, lodando il mio lavoro a parole, lo smentisce con ciò che ha scritto attribuendo alla Chiesa, o all’autorità che la governa o a me, intendimenti inesistenti, fantasiosi e, ripeto, soprattutto non veri”.

“In particolare, mai e poi mai nè io nè tantomeno l’Arcivescovo avremmo accettato un’interferenza politica nell’azione della Chiesa, che è libera e tale intende restare. Per tale motivo chiedo che si rettifichi ciò che è stato scritto, (i fedeli hanno affidato al web il loro disappunto”.

“A tale scopo, desidero riportare qui integralmente quanto ho detto in chiesa: “Cari fedeli, da oltre due anni ho chiesto al vescovo di trasferirmi dovunque. All’arcivescovo che doveva dare un aiuto a don Bernardo Marascio parroco della parrocchia “San Giovanni Battista” a cui viene meno l’aiuto di don Mimmo Battaglia, neo Vescovo di Cerreto Sannita- Telese-Sant’Agata De’ Goti, ho offerto la mia totale disponibilità”.

”Questi i fatti veri, continua don Pietro, Tutto il resto è pettegolezzo puro, non consono ad una comunità cristiana che ho servito e cercato di formare cristianamente alla fedeltà alla chiesa ed ai suoi rappresentanti. Le vostre lamentele, se da un lato mi potrebbero fare piacere, dall’altro mi addolorano e non rendono un buon servizio nè a me nè alla comunità parrocchiale. Io sono un libero servitore della chiesa e non posso che dire grazie al mio arcivescovo che ha esaudito la mia richiesta: nessuno deve interferire in ciò che, ripeto, ho chiesto e che mi è stato concesso”.”

Vi prego pertanto di seguire con me la volontà del Signore ed il mio bene. Del resto, l’Arcivescovo vi invia un giovane confratello, bravo, buono e preparato che collaborerà, come ho fatto io, con il parroco.  Quanto fin qui scritto, è fatto solo e soltanto per amore della verità e per amore dei fedeli di Montepaone superiore perché smettano di mostrare, ad ogni trasferimento, un volto ed un cuore che non appartenere ai buoni cristiani.”

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.