- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

MONTEPAONE (CZ) – DIFFERENZIATA, “IMPEGNO E SOLIDARIETA'”: «I COSTI SONO AUMENTATI»

Secondo il gruppo consiliare di minoranza «la spesa complessiva inerente la gestione del ciclo dei rifiuti, non concorda con quanto previsto nel Bilancio 2015 approvato di recente dal consiglio comunale»

di Gia. RO. 

MONTEPAONE (CZ) – 3 SETTEMBRE 2015 –  «Il sindaco di Montepaone Mario Migliarese, ci è parso di capire che, qualche giorno addietro, avrebbe annunciato consistenti riduzioni per i cittadini del posto, in materia di Tari (tassa sui rifiuti)». Lo afferma in una nota il gruppo consiliare di minoranza “Impegno e solidarietà – Montepaone”.

«Pur non volendo fare da bastian contrario a tutti i costi   – si legge nella nota  – , però, sul punto, il gruppo consiliare di minoranza “ Impegno e Solidarietà- Montepaone”, avrebbe qualcosa da dire. Non vogliamo credere che si sia entrati, a nostra insaputa, in una fase di nuovi annunci elettorali, i quali potrebbero risultare anche utili qualora si concretizzassero realmente, ma in tal senso, noi qualche dubbio ce lo riserviamo di avere.
Secondo i numeri forniti dal Sindaco, il costo del servizio da 870 mila euro si sarebbe abbassato a 749 mila euro che è esattamente il solo costo annuale dovuto alla ditta Mea appaltatrice del servizio ».

«I conti non tornano ! – sostiene “Impegno e solidarietà –  Difatti il Piano Finanziario, nel quale viene quantificata la spesa complessiva inerente la gestione del ciclo dei rifiuti, non concorda con quanto previsto nel Bilancio 2015 approvato di recente dal Consiglio Comunale, nel quale, oltre alla previsione del costo di appalto pari ad € 749.532,00 – cap. 1274 spesa, si sommano altri costi che non sono contabilizzati in detto Piano Finanziario per € 154.350,00 (Tributo Regionale per deposito in discarica, Spese x Posta Telefono e assicurazione automezzo) per costo complessivo del servizio di € 903.882,00 allocato in bilancio alla funzione 9 servizio 5 – spesa, a fronte di una previsione di entrata di € 749.532,00 annotata al cap. 33, con una conseguente copertura della spesa pari all’ 82,89 % ».

«Ricordando che il Piano finanziario deve essere redatto obbligatoriamente secondo quanto previsto dall’allegato 1 al D.P.R. 158/99 – affermano ancora dal gruppo –  e che per “legge” deve essere assicurata la copertura integrale del costo complessivo del servizio, 100 % dei costi sostenuti, è chiaro che: o vi sono palesi errori nel piano finanziario approvato e nelle tariffe che si andranno ad applicare o vi sono errori nel bilancio di previsione con tutte le dovute conseguenze. Tutto questo, peraltro, risulta dagli atti del Consiglio Comunale , in quanto fatto verbalizzare dal gruppo di opposizione nelle sedute di approvazione del Piano Finanziario, delle Tariffe e del bilancio di previsione 2015».

«Non risponde al vero, pertanto – conclude la nota –  quanto dichiarato dal Sindaco atteso che i costi per la gestione del ciclo dei rifiuti per l’anno 2015 a fronte dell’avvio della raccolta differenziata, non sono diminuiti…. anzi a leggere i numeri sono aumentati. Si attendono smentite ….».