Stampa Stampa
24

MONTAURO (CZ) – VERSO LE COMUNALI, GRANDE (FDI – AN):«FINORA SOLO “PETTEGOLEZZO”


“Mancano i programmi. Uniche indiscrezioni politiche sono ricavabili dalla mera chiacchiera di paese”

di Gia. RO.

MONTAURO (CZ) – 31 MARZO 2017 –  «Tra qualche mese gli elettori di Montauro saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo consiglio comunale ed il nuovo Sindaco che guiderà il paese per i prossimi cinque anni (salvo commissariamenti prematuri). Tuttavia pare che da questo punto di vista la frenesia politica non abbia minimamente acceso la comunità, visto che, ad oggi, risulta assente ogni pubblica discussione in merito a candidature, liste o, cosa più rilevante, programmi politici».

Lo afferma in una nota l’avvocato .Giuseppe Grande, coordinatore dei circoli Fratelli d’Italia-AN di Fratelli d’Italia-AN di Montepaone e Montauro.  

«Tutto ciò  – aggiunge – appare abbastanza demoralizzante, visto che le uniche indiscrezioni politiche sono ricavabili dalla mera chiacchiera di paese o dal più becero dei mezzi di informazione di massa: “il pettegolezzo”. Niente programmazione, niente progettualità, nessun obiettivo preposto, solo ed esclusivamente uno strano alone di mistero intorno alla questione candidature. Alcuni forse diranno che i tempi non sono ancora maturi per fare qualche nome. Beh, ai cittadini questo importa poco, visto che l’attività di un aspirante amministratore più che quella della spendita del proprio nome dovrebbe essere quella programmatica». 

«Ed è proprio questo il nodo cruciale – sottolinea ancora -, la problematica più cocente, non ci sono programmi! Visto che nessuno parla di politica nel paese, Fratelli d’Italia, ha deciso di fare il primo passo, aprendo il dibattito nella comunità.
Ci rivolgiamo principalmente alle giovani menti, ragazzi volenterosi di impegnarsi socialmente e politicamente, che vogliano aderire ad un progetto fatto di programmi precisi e puntuali, rivolti alla comunità Montaurese. Crescita commerciale e turistica del paese, maggiore capacità attrattiva, eliminazione del forte distacco urbanistico tra il borgo storico ed il quartiere marino e l’implementazione di un sistema di gestione economica e finanziaria volto alla soddisfazione delle necessità del cittadino e ad una nuova concezione del paese immerso in una realtà territoriale più ampia». 

«Tutto ciò – afferma -, ponendo attenzione al rispetto delle nuove normative in termini di bilancio, con l’assicurazione di un sostegno continuativo alle attività commerciali al fine di proporre una ricostruzione netta del piano economico cittadino. Nessuno spreco, nessuna politica transitoria, nessun qualunquismo, ma esclusivamente una chiara e trasparente gestione delle risorse, cercando di valorizzare ciò che rende il paese esclusivo, puntando sulle proposte provenienti dall’elettorato passivo e dal quarto settore». 

«Risulta necessario – conclude Grande – affidare la propria fiducia e i propri incentivi all’associazionismo locale, vero motore propositivo sul territorio, garante di prospettive volte alla crescita culturale e attrattiva della comunità».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.