Stampa Stampa
52

MONTAURO (CZ) – In assemblea per dire “no” all’eolico


Montauro, scorcio

Montauro, scorcio

Al centro della riunione, voluta dalla Pro Loco, la preoccupazione di una possibile devastazione ambientale e paesaggistica di un territorio già ampiamente circondato e occupato da numerose installazioni ad energia eolica

Fonte: articolo di Gianni Romano (Il Quotidiano del Sud, in precedenza denominato Il Quotidiano della Calabria)

MONTAURO (CZ) – 25 AGOSTO 2014 – Ad iniziativa della Pro Loco di Montauro è stata convocata una assemblea pubblica per discutere assieme ad amministratori e cittadini la delicata questione dell’installazione di numerosi impianti di produzione di energia alternativa, mini pale eoliche che stanno per essere installate nel comune di Montauro.

L’assemblea è stata chiesta per la preoccupazione di una possibile devastazione ambientale e paesaggistica di un territorio già ampiamente circondato e occupato da numerose installazioni ad energia eolica.

Presenti all’incontro il presidente della proloco, Pantaleone Clericò, il sindaco Pantaleone Procopio, il responsabile dell’ufficio tecnico Pantaleone Narciso, il vice sindaco Salvatore Bellocci e il consigliere comunale Leo Pisano.

Già negli anni passati l’amministrazione comunale si era opposta all’installazione di un parco eolico proprio nel suo territorio per salvaguardare le particolare caratteristiche storico-ambientali. E’ rilevante a riguardo ricordare che il territorio di Montauro è stato gestito per oltre sette secoli dalla Grancia di San Giacomo-San Anna di cui i resti monumentali sono attualmente in fase di restauro.

Durante il dibattito è dunque emersa una nuova volontà di tutela ma la normativa nazionale e regionale non consente limiti e non ha sufficiente potere di interdizione anche se sarebbe necessario un approfondimento tempestivo sulla questione già da alcuni mesi.

I cittadini hanno formulato varie proposte, chiedere un vincolo paesaggistico per il territorio di Montauro, contattare la società gestione servizi energetici, limitare i KW di produzione e porre dei precisi vincoli all’interno dei lotti interessati all’installazione. Sono state messe in evidenza, inoltre, alcune ambiguità presenti nei contratti proposti tra singoli proprietari terrieri e società esterne che propongono l’installazione.

L’amministrazione comunale si è impegnata ad agire celermente per mettere in atto tutte le iniziative e gli atti amministrativi possibili per la tutela del territorio. In particolare il consigliere Leo Pisano ha proposto di adottare immediatamente il Psc nel quale sono contenute norme di regolamentazione e di contrasto al fenomeno o nel caso non fosse possibile adottare il Psc  andare in consiglio comunale per affrontare una variante all’attuale Prg  che contenga le stesse norme.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.