Stampa Stampa
45

MONTAURO – CALALUNGA, IL COMUNE PASSA AL CONTRATTACCO


Richiesta assistenza legale contro “Le Iene”. Emesso atto di indirizzo per individuare un difensore. Alla viste una possibile querela contro la trasmissione Mediaset

Articolo di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

MONTAURO (CZ) – 16 DICEMBRE 2016 –  Un servizio lesivo quello delle Iene andato in onda in più parti sulle reti Mediaset, su presunte presenze radioattivi in calità Calalunga.

Ma il comune decide giustamente di difendere  e tutelare la salute e gli interessi economici dei cittadini. Allo scopo, si stabilisce un incarico di consulenza e assistenza legale per l’accertamento di possibili eventuali danni all’immagine del Comune di Montauro causati dalla messa in onda su scala nazionale di servizi televisivi.  Una  e poi altre volte, è stata trasmessa sul canale televisivo Italia 1 di Mediaset la trasmissione “Le Iene” nella quale è stato affermato, dopo misurazione diretta con contatore Geiger da parte dell’autore del servizio, che la spiaggia di Calalunga di Montauro presentava livelli di radioattività di gran lunga superiore ai limiti consentiti.

A seguito di detto Servizio la Procura della repubblica di Catanzaro disponeva indagini già nella mattina del giorno successivo al fine di verificare la veridicità di quanto affermato. – Dal sopralluogo e dalle indagini effettuate per conto della Procura non sono emersi valori di radioattività superiori a quella naturale, per come affermato da nota della prefettura di Catanzaro in data 24/11/2016.

L’Arpacal – Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria – in data 25/11/2016, per come richiesto dal Sindaco e da numerosi cittadini allarmati, ha disposto indagini radiometriche per la verifica dei livelli di radioattività sul tratto di costa oggetto di valutazione e la stessa con nota Prot. N. 45865 del 28/11/2016, pervenuta a questo Ente in data 01/12/2016, prot. n. 5266 ha concluso la propria indagine affermando “come risulta dalle rilevazioni campali, l’area di campionamento e di interesse presenta un livello di radioattività confrontabile con il fondo ambientale ed è in sintonia con i valori che abitualmente caratterizza il fondo ambientale della provincia di Catanzaro, Il comune di Montauro, dice.

La trasmissione “Le Iene”, per come già detto, ha anche in successivi servizi reiterato l’allarme radioattività pur in presenza di indagini certificate che affermavano l’assoluta assenza di pericolosità per uomini ed animali, essendo risultati i valori nella norma; – è conseguita un’amplificazione mediatica anche attraverso i quotidiani a diffusione nazionale e locale; – i servizi televisivi trasmessi, per come prospettati ed affrontati, hanno ingenerato preoccupazione ed allarme nei soggetti fruitori di una località turistica molto rinomata, con la reale conseguenza di produrre una costrizione della domanda turistica con conseguenti effetti negativi sull’economia globale dell’intera area; dato che,continua il comune,

I servizi trasmessi hanno ingenerato nella popolazione e nei tanti turisti abituali uno stato di paura per la pericolosità prospettata, paura che può estendersi a tutti coloro che avrebbero voluto trascorrere le vacanze future nel nostro territorio . “ Allo scopo,continua il comune di Montauro,

Per le motivazioni suesposte, dover acquisire una consulenza specialistica legale di supporto per l’accertamento di possibili eventuali danni all’immagine provocati al comune di Montauro, anche attraverso l’esame della documentazione rinvenibile , Devesi individuare un professionista ad elevato contenuto specialistico, con formazione giuridica e comprovata esperienza professionale, non rinvenibile all’interno.

Tale figura professionale non è rinvenibile all’interno del Comune tra i propri dipendenti per cui vi è necessita di acquisire il succitato supporto consulenziale, particolarmente qualificato, entro tempi ragionevolmente brevi.”

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.