Stampa Stampa
3

MALTEMPO, COLDIRETTI: «NEL REGGINO DANNI INGENTI»


Bivone: viabilità compromessa, attività economica bloccata. Aceto: “Chiediamo interventi tempestivi”

di REDAZIONE

PRESERRE (CZ) –  6 NOVEMBRE 2018 – Ingenti sono i danni arrecati dal maltempo che nei giorni 1-2- e 3 novembre  con piogge torrenziali insistenti hanno sferzato e colpito duramente la provincia di Reggio Calabria e in particolare diversi comuni della fascia tirrenica pre e aspro – montana.

Una situazione che immediatamente è stata attenzionata dalla Coldiretti di Reggio Calabria che ha avviato i primi sopralluoghi per alleviare alcune immediate esigenze delle aziende agricole e procedere, cosa che è stata immediatamente fatta, riferisce Stefano Bivone presidente della Coldiretti di Reggio Calabria, ad una prima informativa al Sindaco della Città Metropolitana e al Prefetto di Reggio Calabria.

La situazione – continua Bivone – è di grande emergenza e le precipitazioni intense hanno causato danneggiamento e interruzione della viabilità, dei suoli, danni alle coltivazioni di impianti arborei ed a seguito all’esondazione di alcuni corsi d’acqua l’allagamento di centinaia di ettari di aree con alta specializzazione a colture olivicole. Mi consta personalmente, racconta Bivone, che ho dovuto usare per gli spostamenti e trasferimento di raccolti come mezzo di locomozione alcuni “muli”.

Un autentico blocco una paralisi delle attività economiche in particolare per i comuni di Cosoleto, Scido, Sant’Eufemia d’Aspromonte, Sinopoli, San Procopio, Oppido Mamertina e Delianuova – comunica Bivone – risultano infatti isolati i centri abitati, e molte sono le contrade agricole dove non è possibile accedere ai fondi, alle stalle, ai frantoi e magazzini.

E questo – sottolinea – considerato la campagna olivicola in corso, significa la non apertura dei frantoi con conseguente crollo della produzione già compromessa da altri fattori, e perdita di competitività. E’ urgente quindi intervenire per ripristinare la viabilità e avviare le procedure per il riconoscimento dello stato di calamità.

Ma Coldiretti va anche oltre offrendo la disponibilità delle aziende agricole ad intervenire con i propri mezzi aziendali per lo sgombero delle strade promuovendo una azione sinergica con le Istituzioni e i Consorzi di Bonifica che sono comunque intervenuti nella fase emergenziale svolgendo una puntuale ed essenziale opera di manutenzione dei fossi di scolo di loro competenza e quindi del reticolo idrografico minore”.

“Auspichiamo e chiediamo , dichiara il Presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto, che tutti gli Enti preposti intervengano tempestivamente per garantire il ripristino della viabilità e che soprattutto dopo l’emergenza si possa ragionare con Regione, Province e comuni, in via definitiva, sulle necessarie azioni di prevenzione da porre in essere”. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.