- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

MALTEMPO, CATANZARO E PROVINCIA NELLA MORSA DI “MEDICANE” (AGGIORNATO)

Tromba d’aria a Simeri Crichi. Allagamenti a Catanzaro Lido dove una donna è stata tratta in salvo dalla sua auto. Cavi elettrici a fuoco a Sellia Marina. Disagi sulla SS 280. Albero e palo luce caduti a Squillace

di Fra. POL. 

PRESERRE (CZ) –  12 NOVEMBRE 2019 –  Come ampiamente previsto il ciclone mediterraneo “Medicane” è arrivato e sta provocando forte maltempo in Calabria. 

Particolarmente colpita la fascia ionica dove le piogge abbondanti sono più estese, con la complicità dell’effetto “stau”. 

Numerose le chiamate alla centrale operativa dei vigili del fuoco di Catanzaro che hanno provveduto al recupero di autovetture rimaste impantanate. 

Paura a Simeri Crichi per una tromba d’aria nella notte. Come rassicurano dall’amministrazione comunale, i danni non sono ingenti. 

Invasa da alberi e rami la strada che collega il centro storico con la zona marina. Operai e mezzi comunali al lavoro per sgomberare le carreggiate dai detriti e ripristinare la circolazione. 

A Simeri Mare è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco per un allagamento a Porto d’Orra.

A Uria, invece, frazione di Sellia Marina, si attende l’Enel per alcuni cavi elettrici, scoperti, che hanno preso fuoco a causa di un corto circuito.

A causa del forte vento, ai vigili del fuoco è giunta richiesta per pannelli di copertura e tegole divelte tra i Comuni di Simeri e Zagarise.  

Allagamenti, invece, sono registrati a Catanzaro Lido. Colpito il lungomare. Volontari e una volante della polizia hanno soccorso una donna alla guida di un’auto in panne, rimasta intrappolata sulla strada della zona marina a causa dell’acqua troppo alta.

In centro città, invece, i vigili del fuoco sono intervenuti per un primo intervento su corso Mazzini mentre a via Jannelli il ramo di un albero è stato spezzato cadendo quasi a ridosso di un’automobile.

Disagi sulla Ss280 in entrambe le direzioni a causa della pioggia e del forte vento.  Completamente allagato il bivio che collega la strada di Germaneto alla stessa strada  in direzione Lamezia Terme. 

Danni anche a Squillace. Nel centro storico il forte vento ha abbattuto un albero in prossimità della “Fontana Vecchia”, vicino a viale Fuori le Porte. Nella zona marina, inoltre, le avverse condizioni meteo della notte hanno provocato la caduta di un palo della pubblica illuminazione. 

«La prevenzione ha funzionato»  dichiara il sindaco di Amaroni, Luigi Ruggiero. Che, nel segnalare il costante monitoraggio notturno dei volontari dell’Associazione di Protezione Civile “Angeli Blu”, non ci segnala alcuna situazione critica, soprattutto nei punti cruciali della zona a valle del paese. 

«L’azione di pulitura preventiva di tombini e caditoie, effettuata nei mesi scorsi da uomini e mezzi del Comune, ha sortito il suo effetto positivo» conclude Ruggiero.

Allagata la sede stradale in prossimità della Facoltà di Farmacia nella frazione Roccelletta di Borgia. 

Allagato anche il sottopasso della Strada Provinciale che collega con la Cittadella Regionale. Sul posto squadra dei vigili del fuoco per il prosciugamento. 

Numerosi gli alberi spezzati e divelti sulla Provinciale per Girifalco (foto). Sul posto i vigili del fuoco volontari del locale distaccamento.

La Provinciale 31, tra il Comune di Taverna e la Sila Catanzarese, è parzialmente limitata alla circolazione per alberi abbattuti sulla sede stradale. 

Sul posto, per la messa in sicurezza e il ripristino della carreggiata, i vigili del fuoco volontari di Taverna. 

I vigili del fuoco della sede centrale di Catanzaro, inoltre, sono intervenuti  a cause di tegole divelte dal forte vento sull’immobile che ospita la scuola elementare. 

I vigili del fuoco del Comando Provinciale di Catanzaro ha aumentato il dispositivo di soccorso disponendo il richiamo in servizio di personale per fronteggiare le numerose richieste. 

Tutte le squadre disponibili del Comando Provinciale di Crotone, più unità in straordinario, sono sparse per la provincia a causa di alberi abbattuti, tetti scoperchiati e danni causati dal forte vento. 

Nella notte sono stati effettuati oltre trenta interventi. Altri trentacinque sono in corso di esecuzione. 

I danni maggiori, ma senza conseguenze per le persone, sono registrati nel Marchesato, a Isola Capo Rizzuto, Scandale e Cutro.