Stampa Stampa
11

L’ULTIMO SALUTO AD ANTONIO CALIGIURI


Celebrati funerali ultima vittima della Statale 106

PRESERRE (CZ) –  25 GIUGNO 2018 –  Nella giornata di venerdì scorso, il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Castrovillari Antonino Iannotta, titolare del fascicolo, ha conferito incarico al Dottor Vannio Vercillo, specialista di medicina legale, per l’esame autoptico sul corpo dell’uomo che si è concluso nella tarda serata. 

Studio 3A, società specializzata nel settore che assiste i familiari, ha messo a disposizione come consulente di parte della famiglia della vittima per la perizia medico legale la Dott.ssa Maria Chiarelli, medico legale presso l’università di Catanzaro Magna Grecia e Ctu in numerosi casi seguiti dalle procure calabresi.

 Antonio Caligiuri, il sessantaquattrenne di Crosia (Cosenza) rimasto coinvolto lo scorso 24 maggio in un terribile incidente in Contrada Amarelli, nel comune di Corigliano Rossano, appunto sulla SS106 radd. tra il chilometro 4 e 5: dopo 25 giorni di agonia è deceduto in seguito ai gravi traumi riportati. 

La vittima, attorno alle 13, stava procedendo in direzione di marcia Sibari-Crotone con il suo Fiat Scudo quand’è stato travolto dalla Volkswagen Tiguan condotta da R. C., 55 anni di Corigliano Calabro.

La donna, “proveniente da via Epiro, si immetteva sulla SS 106 J dapprima con la manovra di svolta a destra e in seguito, dopo aver percorso qualche metro dall’intersezione stradale direzione Crotone, eseguiva una manovra d’inversione del senso di marcia (a sinistra, ndr) per portarsi sulla corsia riservata ai veicoli diretti verso Sibari e, con condotta colposa posta in essere in violazione delle norme di circolazione stradale, provocava la collisione con l’autocarro Scudo”: è quanto si legge nel Decreto di convalida del sequestro dei mezzi e nell’Informazione di garanzia della Procura della Repubblica di Castrovillari la quale, sulla scorta ei verbali della Polizia Stradale di Rossano che ha effettuato i rilievi, per il tramite del Pubblico Ministero, dott. Antonino Iannotta, ha aperto un procedimento penale e iscritto nel registro degli indagati la automobilista, inizialmente per il reato di lesioni stradali gravissime e ora di omicidio stradale. 

Sabato pomeriggio, nella Chiesa del Divino Cuore di Gesù a Mirto Crosia, hanno avuto luogo i funerali di Antonio Caligiuri. 

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” si unisce al dolore dei familiari per la grave, improvvisa e tragica perdita del caro Antonio, cittadino esemplare, uno dei primi soci iscritti e convinto sostenitore delle battaglie fin qui fatte nell’interesse della collettività. 

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.