Stampa Stampa
288

LSU –LPU, SIT IN DI PROTESTA ANCHE A PALERMITI


Stato di agitazione permarrà fino a quando da Roma non giungeranno certezze su loro situazione

Articolo e foto di  Salvatore TAVERNITI (Gazzetta del Sud)

PALERMITI (CZ) –  10 DICEMBRE 2018 –  Protesta, venerdì, a Palermiti da parte dei lavoratori Lsu-Lpu, che hanno attuato un sit-in davanti al municipio per rivendicare il diritto alla stabilizzazione.

Dopo avere aderito alle varie manifestazioni svoltesi nei giorni scorsi a Lamezia Terme, i dieci Lsu e i due Lpu impegnati negli uffici del Comune di Palermiti hanno deciso di interrompere i servizi loro assegnati e di incrociare le braccia.

A Palermiti i dodici lavoratori garantiscono importanti servizi, dall’ufficio tributi, a quello tecnico, al protocollo, allo scuolabus, fino alla custodia del cimitero e alla manutenzione e pulizia di strade e verde pubblico, oltre a fare i messi notificatori. Tutti lavori che altrimenti il comune non potrebbe garantire con i soli due dipendenti effettivi a disposizione.

«Lo stato di agitazione permarrà – affermano i dodici lavoratori – fino a quando non giungeranno da Roma notizie certe sulla nostra situazione. Naturalmente speriamo nella stabilizzazione, come promessoci, oppure nella proroga del nostro contratto. Abbiamo ottenuto il contratto solo nel 2015, mentre per anni abbiamo lavorato nell’assoluta incertezza, quasi al nero».

Per i dodici lavoratori, ieri, è arrivato anche il pieno sostegno dell’amministrazione comunale. Il sindaco Roberto Giorla, infatti, è convinto che con il blocco dei servizi da parte di questi lavoratori la popolazione subirà enormi disagi. Non possono essere garantiti i servizi minimi essenziali e indispensabili, sia pur in un piccolo comune come Palermiti.

La situazione è particolarmente pesante anche perché molti dei lavoratori Lsu-Lpu fanno parte di famiglie monoreddito che dal prossimo anno potranno trovarsi senza lavoro e senza stipendio.

Intanto, i dodici lavoratori, tutti di Palermiti, manifestano senza creare problemi all’ordine pubblico: la loro è una protesta pacifica, in attesa di certezze e garanzie sul loro futuro da parte del governo centrale.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.