Stampa Stampa
17

LE MANI DELLE ‘NDRINE SULLA VIBONESE CALCIO


Inchiesta della Dda di Catanzaro su presunte infiltrazioni

 di REDAZIONE  

PRESERRE (VV) –  9 GENNAIO 2020 –  La Dda di Catanzaro, nell’ambito dell’inchiesta “Rinascita-Scott” sui clan Mancuso e Lo Bianco, ha aperto un filone di indagine anche “sull’infiltrazione del locale di ‘ndrangheta di Vibo nella società calcistica U.S. Vibonese” militante in Lega Pro.

Fra i soci della squadra vi è infatti il costruttore Francesco Patania, arrestato per associazione mafiosa e posto ai vertici del clan Lo Bianco.

A sostegno della nuova indagine ci sono, fra l’altro, le dichiarazioni del collaboratore Andrea Mantella che ha indicato “i soci occulti della società, i quali avendo appreso di indagini in corso – scrive la Dda – decidevano di cedere le quote ad altri soggetti da loro stessi individuati.

Tra questi i componenti della consorteria Mancuso di Limbadi decidevano di far entrare nella compagine societaria dell’attività calcistica vibonese l’imprenditore Caffo di Limbadi”, che allo stato non risulta però indagato.

“Le attività investigative – scrive la Dda – dimostrano che il clan Lo Bianco ha ottenuto pure il pieno controllo del bar (totalmente abusivo) all’interno dello stadio di Vibo grazie alla concessione dalla società calcistica. Fra i gestori, Rosario Pugliese (latitante) e Orazio Lo Bianco (arrestato e destinatario di un Daspo).

“In tale contesto Rosario Pugliese – sostiene la Dda – vantava l’appoggio del presidente Giuseppe Caffo in persona a perorare la causa della riapertura del bar dinanzi al Questore di Vibo”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.