Stampa Stampa
111

LE GIUNTE COMUNALI DI CHIARAVALLE E TORRE QUERELANO “CHI.CE – CHIARAVALLE ATTIVA”


Calunnia, diffamazione e procurato allarme le ipotesi di reato oggetto di denuncia

 di REDAZIONE

PRESERRE (CZ) –  7 DICEMBRE 2018 –  Le giunte comunali di Chiaravalle Centrale e Torre di Ruggiero, con due distinte deliberazioni, hanno dato l’avvio alle procedure d’incarico legale per querelare i responsabili (al momento ignoti) della pagina Facebook “Chi-Ce  –  Chiaravalle Attiva”.

 La deliberazione della giunta comunale di Chiaravalle firmata dal sindaco Mimmo Donato è la n. 128 del 6 dicembre 2018, avente ad oggetto “la costituzione del Comune di Chiaravalle Centrale per la tutela dell’immagine dell’ente e autorizzazione al sindaco a presentare denuncia – querela, indicando come responsabile del procedimento la dottoressa Rosa Villirillo”.

 Le ragioni dell’azione legale sono spiegate nel corpo della delibera: “Sul profilo Facebook denominato Chi.Ce  –  Chiaravalle Attiva sono comparse considerazioni e frasi che ledono e offendono l’onorabilità, il decoro e l’operato del Comune, del sindaco, dei suoi amministratori e dipendenti”.

 Peraltro, “alcune considerazioni contenute hanno creato situazioni di allarmismo generalizzato giacché ipotizzano la sussistenza di situazioni potenzialmente lesive della salute pubblica”.

 Calunnia, diffamazione e procurato allarme, “salvo altri reati di analoga o maggiore consistenza”, le ipotesi formulate dagli amministratori comunali nel documento. Con specifico atto di indirizzo la delibera, immediatamente esecutiva, è stata trasmessa al responsabile del settore competente per il conferimento di incarico a un legale e per la stesura degli atti necessari “contro i soggetti individuati come responsabili”.

 Parallelamente e per gli stessi motivi, anche la giunta comunale di Torre di Ruggiero, presieduta dal sindaco Mario Barbieri, con deliberazione n. 66 del 5 dicembre 2018 ha promosso una “azione legale giudiziale a tutela degli interessi dell’amministrazione comunale” contro la pagina Facebook “Chi.Ce  –  Chiaravalle Attiva” con relativo conferimento incarico, annesse determinazioni e allegato parere di regolarità tecnica e contabile da parte del responsabile delle aree, Vincenzo Iozzo.

 I post in questione sono sempre stati pubblicati in forma anonima, per cui si farà ricorso alla polizia postale, oltre che alla magistratura, per individuare i curatori del profilo Facebook in questione. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.