Stampa Stampa
11

LAMEZIA TERME (CZ) – SPOGLIAVANO BENI A SOCIETA’, DENUNCIATI IN CINQUE


Accusa è di riciclaggio, peculato, bancarotta fraudolenta patrimoniale aggravata e circonvenzione di incapace

di REDAZIONE 

LAMEZIA TERME (CZ) – 25 NOVEMBRE 2015 –  A seguito di accertamenti finalizzati alla prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario per scopo di riciclaggio, il nucleo di Polizia tributaria di Catanzaro ha disvelato una fraudolenta spoliazione di beni in capo a 2 società lametine operanti nel campo della gestione di “slot machine”.

I finanzieri hanno ricostruito, tramite accertamenti bancari, esami documentali e altre attivita’, le movimentazioni anomale di liquidità che transitavano sul conto corrente personale del coniuge del titolare di fatto di una delle aziende fallite. Nelle varie ed articolate fasi di sottrazione di beni il gruppo imprenditoriale ha utilizzato una cosiddetta “testa di legno” in qualita’ di amministratore unico di una delle societa’, affetto da una patalogia degenerativa, inducendolo a compiere atti pregiudizievoli per se e vantaggiosi per gli amministratori di fatto.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme, sono sfociate nella denuncia di 5 soggetti, a vario titolo, per riciclaggio, peculato, bancarotta fraudolenta patrimoniale aggravata e circonvenzione di incapace nonchè, nell’ emissione di un provvedimento di sequestro preventivo del G.i.p. del tribunale lametino per l’importo di 1 milione 600 mila euro circa e l’applicazione della misura cautelare interdittiva del divieto dell’esercizio di attivita’ d’impresa e direttiva nei confronti di tutti i soggetti denunciati. Le Fiamme Gialle nell’esecuzione del sequestro hanno cautelato beni mobili ed immobili nella disponibilita’ degli indagati, costituiti da terreni, fabbricati e conti correnti bancari.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.