Stampa Stampa
58

LA DECISIONE, A SQUILLACE LE OPPOSIZIONI NON PARTECIPERANNO PIÙ AI CONSIGLI COMUNALI


Riceviamo e pubblichiamo:

SQUILLACE (CZ) –  15 LUGLIO 2022 –  «Noi consiglieri di opposizione, Oldani Mesoraca, Anna Maria Mungo ed Enzo Zofrea, alla luce della nuova offensiva convocazione del Consiglio Comunale, alle ore undici di sabato 16 luglio p.v., Festa della Madonna del Carmelo, per la quale a tutti è nota la devozione del popolo squillacese,

sentiamo il dovere di comunicare alla Cittadinanza che non  prenderemo più parte alle sedute di Consiglio Comunale, pur continuando a svolgere il proprio ruolo di consiglieri Comunali, avendo avuto modo di leggere, attraverso la stampa, le gravissime intercettazioni ambientali (nell’Ufficio del Sindaco) e telefoniche, relative al procedimento penale che vede come imputati, a vario titolo, per reati gravissimi contro la Pubblica Amministrazione (corruzione e concussione), tra gli altri, il Sindaco Pasquale Muccari, l’assessore Franco Caccia ed il Segretario Comunale Giuseppina Ferrucci.

Noi sottoscritti, pur comprendendo oggi che, queste, erano le ragioni per cui l’Amministrazione non ha inteso convocare un Consiglio Comunale, così come da noi richiesto, per discutere sull’argomento, né, tanto meno, quello per la decisione della costituzione in giudizio, a tutela dell’Ente, contro gli imputati, nella prima udienza, che si è svolta davanti al Gup del Tribunale di Catanzaro il 9 giugno scorso, consideriamo ormai questa Amministrazione e l’Ufficio di Segreteria Comunale fortemente delegittimate e non più idonea a rappresentare dignitosamente una Comunità come quella Squillacese.

Il contenuto delle intercettazioni non lascia spazio a dubbie interpretazioni sulla condotta di alcuni soggetti Istituzionali presenti in Consiglio, che MAI potrà essere cancellato da eventuali assoluzioni in Tribunale.

Le parole registrate nelle intercettazioni pesano come macigni e resteranno indelebili negli anni a seguire perché ledono, in modo inesorabile, l’immagine, la storia ed il decoro della nostra Comunità, sempre apprezzata e ritenuta punto di riferimento, anche etico, nel panorama politico-amministrativo circostante.

Si fa presente, altresì, che mente spudoratamente chi fa circolare in giro la voce secondo la quale il Tribunale di Catanzaro avrebbe rigettato una nostra richiesta di interdizione dai pubblici uffici del Sindaco Muccari (potere che non compete ai consiglieri Comunali ma all’ Autorità Giudiziaria), trattandosi, invece, della richiesta, attraverso l’Ufficio di Procura, di nominare un Curatore speciale per far costituire il Comune di Squillace, parte civile nel suddetto procedimento indicato.

Il Tribunale ha ritenuto, rigettando la richiesta, che debba essere la Giunta Comunale a nominare un legale per costituirsi parte civile a tutela dell’immagine di Squillace (ad oggi la Giunta è latitante sul punto).

È GIUNTO AL TERMINE IL PERIODO DELLA MENZOGNA!!!

Lasciamo pertanto che sia la sola maggioranza a partecipare alle sedute consiliari future, con i soliti comizi del Sindaco che oggi, alla luce delle intercettazioni, appaiono oltre che patetici privi di qualsiasi credibilità».

Oldani MESORACA ed Enzo ZOFREA (TuttInsieme per Squillace), Anna Maria MUNGO (Squillace in Movimento)

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.