Stampa Stampa
23

ITALIA AL CENTRO, DE NISI: «CALABRIA PROTAGONISTA DELL’AGENDA POLITICA NAZIONALE»


La delegazione regionale all’evento organizzato a Roma dal presidente Toti e dal senatore Quagliariello

di REDAZIONE 

CATANZARO –  11 LUGLIO 2022 –   Era guidata dal coordinatore regionale del partito Francesco De Nisi, la delegazione calabrese che sabato scorso ha partecipato all’Auditorium Antonianum di Roma alla prima assemblea nazionale di Italia al Centro.

«Si è trattato di una sorta di “cantiere” – sottolinea De Nisi –  nel corso del quale assieme al fondatore di Italia al Centro, il governatore della Liguria Giovanni Toti, e ad altri leader nazionali, tra cui il senatore Gaetano Quagliariello, ci siamo confrontati e abbiamo discusso per progettare il futuro del Paese ponendo le fondamenta programmatiche in vista delle elezioni politiche del 2023».

Alla manifestazione, infatti, hanno partecipato sindaci, amministratori locali, parlamentari, ministri e leader politici provenienti da tutta Italia.

«La Calabria – aggiunge De Nisi –  che  sarà al centro della futura agenda politica, ha fornito un notevole contributo per un’occasione di dialogo non solo tra amministratori e  sostenitori del movimento provenienti da tutta Italia, ma anche esponenti politici di altri partiti.

Siamo stati a Roma per ascoltare e dialogare con i vertici nazionali perché alla nostra regione servono soluzioni immediate e serve una programmazione politica basata sulle competenze e sull’esperienza amministrativa.

Esiste un’area di centro dove si può costruire un progetto moderato e liberale, partendo dalle idee e dalla buona politica, fatta di amministratori capaci».

Nel concludere De Nisi evidenzia che «ci sono temi nazionali  come i rigassificatori, gli investimenti nella rete idrica, il libero mercato,  l’atlantismo, le semplificazioni ma anche alcuni fondamentali di ordine strettamente regionale, ai quali vogliamo contribuire grazie alla rete di amministratori che Italia al Centro ha in Calabria.

Lavoreremo sui territori per dare al Presidente Toti un quadro chiaro di investimenti che nella nostra martoriata regione non possono essere rimandati». 

Dal canto suo Toti  pone l’accento sul fatto che «c’è chi dice ‘il centro è nostro’. Io dico ‘il centro è di tutti’, di tutte le persone che hanno voglia di dare un contributo per cambiare davvero la politica italiana, altrimenti rischia di essere un ‘centrino’, qualcosa di poco utile.

Italia al Centro vuole essere questo: mettere davvero al centro i problemi dell’Italia e mettere al centro tutti quegli amministratori, straordinario esempio di efficienza di questo Paese».

«Italia al Centro  – conclude –  vuole essere un movimento politico, ma soprattutto vuole essere un’idea».

Per Quagliariello, infine, «oggi si è aperto un cantiere e quindi bisogna recintare uno spazio.

Qui c’e’ chi ha sempre ritenuto che di una forza liberale, centrale, anche moderata se per moderazione non si intende mollezza e inciucio, ci sia bisogno. Perché questo spazio e’ stato grande quando e’ stata grande l’Italia, e lo e’ stato con tutte le leggi elettorali».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.