Stampa Stampa
21

IL PROGETTO “MAPS” HA FATTO TAPPA A SQUILLACE


Visita delegazione Ens Catanzaro indirizzata a rendere i musei e il mondo artistico e culturale realmente accessibili per le persone sorde

 Articolo e foto di Salvatore TAVERNITI (Gazzetta del Sud)  

SQUILLACE (CZ) –  6 FEBRAIO 2020 –  Viaggio culturale per un folto gruppo di iscritti dell’Ens (ente nazionale sordi), sezione provinciale di Catanzaro.

 Si è svolto l’1 febbraio tra Roccelletta e Squillace.

 Di mattina il gruppo ha visitato il museo e il parco archeologico di Scolacium, mentre nel pomeriggio la visita è proseguita nel centro storico di Squillace, per vedere il castello normanno, il museo diocesano di arte sacra, la cattedrale, la chiesetta gotica e le botteghe artigianali della ceramica con laboratorio didattico: una lunga visita guidata con servizio di interpretariato “Lis” (lingua dei segni italiana). In municipio, si è tenuto un incontro.

 Dopo i saluti del presidente regionale Ens,  Antonio Miriello, e di quello provinciale Serafino Mazza, il segretario regionale Daniele Lettieri ha affermato che l’evento si svolge nell’ambito del progetto nazionale “Maps”, teso a rendere i musei e il mondo artistico e culturale realmente accessibili per le persone sorde.

 «Saranno realizzate – ha sottolineato – delle guide in lingua “Lis”, permettendo ai sordi di prendere parte alle varie attività artistico-culturali».

 La docente “Lis”, Teresa Maiolo, si è soffermata sulla proposta di riconoscimento della “Lis” come vera e propria lingua, ancora non avvenuto in Italia, unico Paese europeo: ciò potrà permettere alle persone sorde di scegliere come comunicare e integrarsi.

 I saluti istituzionali sono stati rivolti dall’assessore comunale al turismo Franco Caccia, che ha sottolineato come i sordi sono persone che hanno diritti e che hanno voglia di scoprire il mondo e le bellezze monumentali del territorio.

 L’ex presidente della Regione Guido Rhodio, ha raccontato la sua esperienza di istitutore, negli anni Cinquanta, del glorioso Istituto per sordomuti di Catanzaro, definendola «bella e gratificante perché in una città del Sud si guardava a questa categoria bisognosa con benevolenza».

 Dopo i saluti di Felice Izzi, nipote di due direttori dell’istituto sordomuti catanzarese, e di Tonino Sabatino, presidente provinciale dell’Unione mutilati e invalidi per servizio, ha concluso l’evento il presidente della Pro loco di Squillace Agazio Gagliardi.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.