Stampa Stampa
104

GIUDIZIO PRIMA DEL PREGIUDIZIO


Nessuno di noi è invincibile, la perfezione non è di questo mondo, ma se avremo teso un mano la ritroveremo quando saremo noi ad inciampare meravigliandoci …

di Rossella NASSO

PRESERRE (CZ) –  6 SETTEMBRE 2019 – C’è chi nasce con la camicia, i cosiddetti super fortunati, e c’è chi suda sette camice per affermarsi e costruirsi nella vita.

Facile è ritenersi arrivati quando qualcuno prepara per noi il terreno senza conoscerne il sacrificio morale e fisico impiegato, al contrario ci sono persone che non ereditano nulla di materiale forse solo un’etichetta sbagliata, sfortunata, ed allora là c’è molto da lavorare.

Certo è che ognuno ha il dovere morale di affermarsi in questa società e non lasciare che il pregiudizio altrui ne influenzi il decorso, ma molte volte seppur si fatica tanto si rimane schiacciati da un senso di inadeguatezza che rimane appiccicato addosso.

Purtroppo la diversità di genere e di stato sociale ha fatto sempre paura e spesso tendiamo a giudicare senza curarci della sofferenza altrui. Ognuno porta con sé un bagaglio che bisognerebbe conoscere e comprendere prima di puntare il dito, perché giudicare è facile, ma aiutare a vedere oltre è tutt’altra cosa.

Dovremmo insegnare ai nostri bimbi il rispetto per gli altri, insegnare che la diversità in senso lato è pur sempre una ricchezza, basta guardarla con occhi d’amore, e a noi adulti dare l’esempio di quanto predichiamo perché dove la stoltezza parla, l’intelligenza tace andando oltre.

Rispettiamoci e usiamo giudizio prima del pregiudizio, quest’ultimo sarà sempre dietro la porta, impariamo a riconoscerlo ed a estirparlo.

Nessuno di noi è invincibile, la perfezione non è di questo mondo, ma se avremo teso un mano la ritroveremo quando saremo noi ad inciampare meravigliandoci … 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.