Stampa Stampa
33

Giudice di Pace, sarà salvataggio?


L’associazione delle Scienze Giuridiche ha indetto un’iniziativa pubblica per salvare il presidio

di Fra. PO.

CHIARAVALLE CENTRALE – 16 MAGGIO 2015 – Un incontro pubblico per verificare quanto sia ancora praticabile il ripristino della sede cittadina del giudice di pace. Lo ha promosso l’associazione delle “Scienze Giuridiche”.

Il sodalizio legale, che rappresenta gli avvocati delle Preserre Catanzaresi e del circondario, sulla questione sta insistendo da un po’ di tempo con il presidente Francesco Squillace nei giorni scorsi a colloquio con il commissario prefettizio di Chiaravalle, il capo gabinetto della prefettura catanzarese Costanza Pino.

All’iniziativa pubblica, in programma la prossima settimana, sarà chiamata anche lei dopo che Squillace ha sondato la sua disponibilità sul problema. Non mancheranno i sindaci comprensoriali, le associazioni e i cittadini – utenti, i veri danneggiati dalla cancellazione del presidio.

Certo, quello tra Squillace e Pino è stato un incontro del tutto interlocutorio. Il “grosso” per ripristinare gli uffici soppressi sarà un altra cosa. Entro il prossimo 15 giugno, termine di proroga concesso dal Ministero agli enti locali per operare i salvataggi, ci vorrà la disponibilità logistica ed economica delle amministrazioni comunali, personale specializzato o da formare e, soprattutto, tanta buona volontà.

Intanto dall’associazione fanno sapere che per raggiungere l’obiettivo presto verrà troveranno compimento tutte le iniziative da mettere in campo ai vari livelli istituzionali. A Chuiaravalle l’ultimo atto compiuto dall’amministrazione Tino poco prima di essere sfiduciata è stata una delibera di Consiglio con all’unanimità era stato chiesto al Ministero il mantenimento dell’Ufficio.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.