Stampa Stampa
30

GIRIFALCO (CZ) – STRADA FRANATA, STRANIERI: «STUDENTI PRESI IN GIRO»


Capogruppo di ‘Cittadini liberi e attivi: “Negato diritto allo studio”

di REDAZIONE 

GIRIFALCO (CZ) – 30 OTTOBRE 2017 –  «Tutti gli studenti del liceo scientifico “Ettore Majorana” di Girifalco sono arrabbiati perché si sentono presi in giro».

E’ quanto afferma in una nota Luigi Stranieri, capogruppo di ‘Cittadini liberi e attivi’ del Comune di Girifalco

«Si sentono presi in giro  – aggiunge la nota –  dall’amministrazione comunale, si sentono presi in giro dai vertici della scuola e non tollerano assolutamente che ci sia qualcuno che sottilmente li minacci se dopo otto giorni non rientrano nell’istituto. Perché? Ma perché l’area tutt’intorno dove sorge il liceo non è sicura, a loro dire. La dimostrazione è data da una strada che dovrebbe condurli direttamente nella struttura – peraltro pure ristrutturata qualche anno fa – è oramai collassata».

«E questo  – si legge ancora – all’indomani dell’inizio dell’anno scolastico, da quel 14 settembre, dove era stata sistemata al meglio. Tuttavia dopo già soli otto giorni, la stessa strada, ha iniziato ad avere qualche crepa, qualche fenditura che è andata rapidamente giorno dopo giorno ad aumentare, ad ingrossarsi fino a sprofondare di oltre un metro. Oggi sulla strada sembra che ci sia stato un bombardamento. Non esiste più e sta ancora inabissandosi».

«La ragione della loro discesa in piazza di fronte alla sede del municipio – sottolinea il comunicato -, a gridare, urlare fino all’inverosimile nella speranza che il loro invito potesse giungere sino al sindaco e ai consiglieri con delega alla Pubblica istruzione, Lavori pubblici e Protezione civile affinché li potessero rassicurare per il futuro. Un futuro a tinte fosche dunque se si pensa che il loro invito agli amministratori è andato a vuoto. E la loro rabbia è allora divenuta più veemente, più forte, da far paura».

«Ed hanno ragione – prosegue –  perché è legittimo per la sicurezza e la loro incolumità che in quell’edificio non ci mettano piede. Non ci mettano piede fino a quando non avranno la certezza certa con tanto di documenti alla mano e di relative firme che indicano inequivocabilmente un’autentica assunzione di responsabilità. Il loro diritto allo studio è negato, perché “se solo si volesse – dicono tutti insieme all’unisono – si troverebbero le aule in altri edifici scolastici già presenti nel territorio girifalcese, ma tutto ciò non si è fatto e non si sta facendo in alcun modo».

«Loro  – prosegue –  vorrebbero che la loro scuola rimanga a Girifalco che da oltre venti anni è presente. Non vogliono che altri s’impadroniscano di un bene prezioso e di un patrimonio che è ed è solo di Girifalco, tuttavia rivendicano il fatto che debbano stare in un luogo sicuro e di cui non debbano preoccuparsi se dovesse arrivare qualche temporale o burrasca».

«Non se ne devono preoccupare i ragazzi e né tantomeno i loro genitori  – conclude la nota – che sono scesi a fianco dei loro figli per una battaglia sacrosanta e giusta».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.