Stampa Stampa
46

GIOIA TAURO (RC) – SORPRESO AD INNAFFIARE CANAPA INDIANA, ARRESTATO BRACCIANTE AGRICOLO


Bloccato dai carabinieri all’interno di un uliveto. Piante droga alte un metro. In manette anche cognato

di REDAZIONE

GIOIA TAURO (RC) –  8 LUGLIO 2016 – Alle prime ore del mattino dello scorso 5 luglio 2016, in Gioia Tauro (RC), nella Contrada Bosco Sovereto – II Stradone, i Carabinieri della Stazione di Rizziconi (RC) e dello Squadrone Cacciatori “Calabria” hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, F.D., di 33 anni da Gioia Tauro, bracciante agricolo, incensurato, per i reati di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti in quanto veniva sorpreso all’interno di un uliveto abbandonato ad annaffiare e potare 55 piante di canapa indiana del tipo cannabis indica, dell’altezza media di un metro, in pieno stato vegetativo.

Nell’ambito delle perquisizioni di iniziativa, scaturite dal medesimo servizio, è stato tratto in arresto anche Pasquale Raso, di anni 45 da Taurianova (RC), bracciante agricolo, già noto alle FF.OO., cognato dell’uomo, poiché, in modo fraudolento, tramite allaccio abusivo diretto alla rete pubblica, con violenza sulle cose, alterava completamente il consumo di energia elettrica della propria abitazione, nonché di una pompa sommersa utilizzata per irrigare un terreno coltivato a kiweto.

 Le piante, previa campionatura, sono state distrutte con il fuoco.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.