Stampa Stampa
17

GASPERINA (CZ) – Finanze comunali, il Consiglio ottempera alle richieste del Ministero


Gasperina, il panorama

Gasperina, il panorama

In quattordici punti esposte la validità delle misure disposte per consolidare la posizione finanziaria dell’ente

Fonte: articolo di Gianni Romano (Il Quotidiano del Sud)

GASPERINA (CZ) – 8 NOVEMBRE 2014 – Si è tenuto presso il comune di Gasperina,il consiglio comunale con cinque punti all’ordine del giorno, alla presenza del sindaco Gregorio Gallello.

Si è discusso in aula dell’esame e approvazione programma triennale ed elenco delle opere pubbliche, dopo la trattazione il punto passava a maggioranza con il voto contrario del consigliere di opposizione Alessandro Macrina, mentre il punto riguardante la seconda richiesta di chiarimenti e spiegazioni pervenuta dal Ministero dell’interno vedeva la relazione del vice sindaco Saverio Catrambone.

Quattordici le voci interessate, discusse una a una, questo al fine di valutare adeguatamente la validità delle misure disposte dall’ente per consolidare la propria situazione finanziaria e assicurare stabilità all’ente, allo scopo prodotta l’attestazione del responsabile del servizio personale relativa alla parte fissa e variabile, ma anche attestazioni relative ai limiti massimi di spesa per l’ente, tenendo conto che il comune di Gasperina ha dichiarato il dissesto, ed ha da tempo un commissario prefettizio liquidatore, il comune di Gasperina ha dovuto rendere specifiche delucidazioni circa le osservazioni rese nel parere dell’organo di revisione allegato alla deliberazione di approvazione del bilancio stabilmente riequilibrato.

Si dava lettura delle voci in discussioni, importi da giustificare e rendicontare come le misure poste in essere per ridurre le spese, un atto formale, solo da rendicontare e restituire al Ministero dell’interno in tutta la sua chiarezza, voci e importi, delibere e bilancio, un atto dovuto conseguente al dissesto finanziario, ma in aula si è rendicontato sulla buona azione politica-amministrativa. Il punto passava a maggioranza con il voto contrario del consigliere di opposizione Alessandro Macrina.

Si passava dunque al punto riguardante la vertenza Grande Domenico contro Comune e Rosa Voci, una controversia datata alcuni anni, dopo il contenzioso finito in una aula di tribunale ora si è arrivati allo schema di transazione con un risparmio per l’ente comunale, il terreno in oggetto su cui si era edificato era in parte del comune da qui l’inizio di una lunga serie  di atti legali finiti in tribunale, il terreno in oggetto una volta quantificato, verrà ceduto alle parte dal comune,ma su questo punto si registrava l’intervento del consigliere di opposizione Alessandro Macrina. <<Questo punto non è chiaro per noi,in quanto – diceva Macrina –  il punto riguardante le spese di lite e la conseguente compensazione  di spese legali tra le parti, non va bene, perché noi come comune la causa l’abbiamo vinta, il nostro sospetto è che si possa arrivare ad una spesa legale esorbitante che il comune dovrà affrontare, anche se vincitore, di questa lite>>. Da qui il voto  modo contrario di Macrina.

Il sindaco Gregorio Gallello, invece, diceva che <<con questa trattazione si mette la parola fine ad un contenzioso datato e che si potrebbe produrre un risparmio per l’ente>>.

L’ultimo punto del consiglio comunale veniva rendicontato dal consigliere Antonio Guzzi e riguardava lo statuto della consulta giovanile. Per Guzzi è un progetto di grande aggregazione sociale che porterà un gruppo di giovani ad interessarsi delle sorti del paese, coinvolgendolo nella politica amministrativa ed attiva.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.