Stampa Stampa
16

GAGLIATO (CZ) – PREVENZIONE INCENDI, C’E’ L’ORDINANZA


Gagliato, scorcio

Sindaco ha imposto  la regolare manutenzione del verde, il decespugliamento e la rimozione di erbe secche,  arbusti ed eventuali rifiuti

 di Franco POLITO

 GAGLIATO (CZ) – 13 LUGLIO 2017 –  Prevenire potenziali situazioni di pericolo e di danno alla salute pubblica, oltre al pregiudizio all’immagine ed al decoro cittadino.

 E’ l’obiettivo dell’ordinanza con cui il sindaco,  Giovanni Sgro, ha “imposto” «ai proprietari di aree agricole non coltivate, ai proprietari di aree verdi urbane incolte di provvedere con regolarità alla manutenzione del verde, al decespugliamento ed alla rimozione delle erbe secche, di arbusti e di eventuali rifiuti, nel rispetto della normativa vigente in materia di smaltimento dei rifiuti, in quanto ritenuti possibili cause di problemi, sia di ordine igienico-sanitario sia di innesco e propagazione di incendio».

 Non solo. Ma a tutti i proprietari di terreni e delle aree confinanti con parcheggi o di uso pubblico, marciapiedi, strade Comunali o vicinali di uso pubblico, Sgro ha ordinato di provvedere ad effettuare «il taglio di siepi, canne, arbusti e rami degli alberi che invadono parcheggi pubblici o di uso pubblico, marciapiedi, strade comunali o vicinali di uso pubblico, con riferimento ai confini stradali, o che si trovano ad una quota inferiore a metri 4,50 dal piano viabile e occultano la segnaletica stradale e/o creano problemi di visibilità alla circolazione stradale e non consentono il passaggio pedonale e ciclabile».

 Gli interventi dovranno essere eseguiti entro quindici giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza all’Albo Pretorio del Comune e successivamente ripetuti periodicamente almeno due volte l’anno, e comunque ogni qualvolta necessario.

 «All’interno del territorio comunale  – spiega Sgro –  esistono numerosi spazi ed aree di proprietà privata in stato di incuria e abbandono, divenuti nel contempo ricettacolo di rifiuti vari, erbe incolte e dimora stabile di fauna minore (topi, ratti, serpi ecc) e luogo che favorisce il prolificare di insetti nocivi. Un analogo problema presentano i numerosi appezzamenti privati aventi i fronti su strade Comunali e vicinali, che sovente determinano gravi problemi di visibilità e viabilità a causa di incuria dei frontisti, che non provvedano ad eseguire periodicamente le opere di loro spettanza come il taglio della vegetazione incolta, di siepi, di canne e di rami di piante che si protendono oltre il ciglio stradale».

 Il sindaco, infine, ritiene che la presenza di vegetazione erbacea ed arbustiva nei terreni incolti può essere causa di «gravi problemi, sia di ordine igienico-sanitario per la presenza di fauna minore e insetti nocivi, sia di innesco e propagazione di incendio» e che la mancanza di ordinaria manutenzione delle aree interessate, oltre a restringere e danneggiare la sede stradale, possa costituire «grave pericolo per la circolazione del traffico, in quanto viene limitata la distanza di visuale libera e talvolta, in occasione di eventi atmosferici di particolare intensità, tronchi e rami delle alberature finiscono per ingombrare la carreggiata rappresentando ostacolo e pericolo per il transito dei veicoli e dei pedoni».

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.