Stampa Stampa
6

FATTURA ELETTRONICA E OLIVICOLTURA, OGGI DUE IMPORTANTI APPUNTAMENTI A LAMEZIA


Aceto: il nostro impegno e di potenziare la filiera e puntare sulla qualità

di REDAZIONE

LAMEZIA TERME (CZ) – 11 DICEMBRE 2018 –  Sono due gli  appuntamenti che Coldiretti Calabria ha in programma oggi martedì 11 dicembre e si terranno entrambi a Lamezia Teme – Sant’Eufemia, nella sala convegni dell’Ufficio Coldiretti in via M.D’Antona, 2.

 Il primo, alle ore 11,00, è un’altra tappa degli incontri territoriali sulla fatturazione elettronica che stanno riscuotendo  notevole  interesse  su tutto il territorio regionale. Gli esperti fiscali della Coldiretti  illustreranno nel dettaglio gli adempimenti necessari, mettendo a disposizione concretamente soluzioni e risposte alle imprese agricole ed agroalimentari  su questo adempimento che scatterà il 1° gennaio 2019. 

 Il secondo incontro ci sarà alle ore 15.00  e tratterà su “L’olivicoltura in Calabria: fra deficit di conoscenza e prospettive di qualità” che sarà introdotto e moderato da Fabio Borrello Presidente Interprovinciale Coldiretti di Catanzaro-Crotone-Vibo, nonché conduttore di azienda a prevalente indirizzo olivicolo.

 Si susseguiranno gli interventi diBenito Scazziota divulgatore Arsac specializzato in olivicoltura, Pietro Giovazzini coordinatore del progetto Assoproli Calabria, Marco Ferrini imprenditore dell’azienda agricola Fangiano e Giuseppe Giordano capo panel Arsac specializzato in olivicoltura. Le conclusioni saranno a cura del Presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto. 

 La Calabria è la seconda Regione produttrice di olio in Italia e la terza in Europa. “In questa annata olearia, nella nostra Regione i dati  di ISMEA attribuiscono un calo della produzione  del 34%, dovuto alle condizioni climatiche che hanno permesso l’attacco della mosca, della tignola e in alcune zone il tripide.

  A tutto questo, in una fase decisiva – sottolinea il presidente Aceto –  si è aggiunto un eccesso di pioggia, quindi  il calo produttivo prevedibilmente si aggirerà intorno al 50%. 

 Un danno economico – aggiunge – rilevante che potrebbe far lievitare l’importazione di olio extracomunitario che, sbucando dalle nebbie, diventa  magicamente, solo sulla carta, olio calabrese e Italiano. Il nostro impegno – conclude – è di potenziare la filiera puntando sempre di più sulla qualità: extravergine e biologico. 

  In Calabria l’olivicoltura può contare sull’olio  extravergine con 3 DOP e l’IGP Calabria, su di un patrimonio di cultivar che rappresenta un vasto tesoro di biodiversità.

Durante il seminario sull’olivicoltura è previsto anche l’assaggio di alcuni campioni di olio extra vergine della corrente annata di produzione.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.