- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

EDUCAZIONE AMBIENTALE, ECCO IL PROGRAMMA ESTIVO DEL CESRAM SOVERATO

Diverse iniziative naturalistiche di conoscenza e divertimento patrocinate da Arpacal

di REDAZIONE 

SOVERATO (CZ) –  31 LUGLIO 2020 –  Una collaborazione improntata sulla condivisione delle esperienze e dei valori della sostenibilità, da diffondere in particolar modo verso le nuove generazioni.

E’ con questo obiettivo che l’Arpacal, come già fatto per altre realtà associative come l’associazione Mare Pulito “Bruno Giordano”, ha concesso il patrocinio al programma delle attività di educazione ambientale che l’associazione Cesram – Centro Studi e Ricerca Ambiente Marino, presieduto dalla dr.ssa Maria Assunta Menniti, ha programmato per questa stagione estiva 2020.

Il Cesram, con sede a Soverato e con una sede operativa a Copanello di Stalettì, in provincia di Catanzaro, è un’associazione no profit composta per la maggior parte da biologi e naturalisti che hanno capito, nel corso dei loro studi e delle loro esperienze lavorative, che l’ambiente ha bisogno di persone che “lavorano con passione e amore” affinché le sue meraviglie non vengano perdute per sempre.

Patrocinato dall’Arpacal, quindi, per la stagione estiva 2020 il Cesram ha elaborato un calendario di attività rivolto a bambini, ragazzi e adulti allo scopo di avvicinare i cittadini alle scienze marine tramite attività ludico-ricreative che abbracciano la sfera dell’educazione ambientale e poter aumentare cosi la consapevolezza verso la tutela e la valorizzazione del territorio.

Le attività proposte saranno svolte all’interno del Mudimar, museo didattico del mare, che è stato inaugurato il 3 luglio e si trova all’interno dell’Istituto Salesiano di Soverato, e presso la sede operativa di Copanello nell’area SIC di Stalettì.

“Il nostro obiettivo – ha dichiarato il Direttore generale dell’Arpacal, dott. Domenico Pappaterra – è quello di sostenere le realtà associative del territorio che si occupano della diffusione delle conoscenze ambientali, facendo rete tutti insieme per condividere esperienze e pratiche su tutto il territorio regionale”.