Stampa Stampa
43

DROGA A FIUMI NEL SOVERATESE, CINQUE PERSONE RINVIATE A GIUDIZIO


Soverato, la Compagnia Carabinieri

Altre 30 hanno scelto il rito abbreviato. Processo al via il prossimo 30 settembre

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  29 LUGLIO 2020 –  Cinque persone rinviate a giudizio e 30 che saranno processate con rito abbreviato. 

Lo ha deciso il gup di Catanzaro Barbara Saccà al termine dell’udienza preliminare del procedimento “Last Generation” istruito dalla Dda di Catanzaro contro i presunti “rampolli” della cosca Gallace di Guardavalle che, stando all’accusa, avrebbero gestito il traffico di stupefacenti nel Catanzarese. 

Fiumi di droga – cocaina, hashish e marijuana – che avrebbero dovuto coprire in particolare le “esigenze” del mercato estivo del Soveratese. 

Dall’inchiesta, secondo quanto riportato dall’Ansa, è emerso che il quantitativo di droga sul quale l’organizzazione poteva contare era talmente elevato da coprire non solo il territorio del Soveratese ma da permettere lo smercio degli stupefacenti anche in Lombardia, a Milano, nel Maceratese e anche all’estero. 

 Secondo quanto emerso dalle indagini il gruppo si avvaleva di pusher minorenni che facevano comunque riferimento a Vincenzo Aloi, 25 anni, nipote di Vincenzo Gallace, capo dell’omonima cosca di ‘ndrangheta radicata a Guardavalle.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.