Stampa Stampa
12

DECRETO SICUREZZA, NO DEI PARTIGIANI AD “APARTHEID GIURIDICO”


Il 12 dicembre manifestazione con sit- in Piazza Prefettura a Catanzaro. Riceviamo e pubblichiamo:

CATANZARO –  6 DICEMBRE 2018 – La legge che porta il nome del ministro dell’interno, impropriamente definita come legge su sicurezza e immigrazione è stata firmata dal Presidente della Repubblica.

Avremmo preferito maggiore prudenza prima di dare il via ad un provvedimento che di fatto è un apartheid giuridico. Come ha giustamente ripetuto con forza la presidente nazionale dell’ANPI – “Il decreto sicurezza e immigrazione è diventato legge e con esso il diritto a perseguitare gli oppressi dalla fame e dalla guerra. E’ incredibile che sia potuto accadere, che si sia scelto di abolire la protezione umanitaria, di affossare l’integrazione e di innescare, di fatto, un caos di disuguaglianza e ingestibilità dell’immigrazione”.

Al contrario di quello che vogliono far credere i signori del governo, c’è un’Italia che dice no a questa barbarie. Associazioni, tanta parte della chiesa, famiglie, sindaci, hanno deciso di mobilitarsi per impedire il compimento di questo sfregio alla Costituzione e all’umanità.

Anche a Catanzaro la mobilitazione è in atto. ANPI, CGIL, LIBERA, UISP, Rete degli studenti con altre forze politiche e associazioni che si stanno aggiungendo, daranno vita Mercoledì 12, in piazza Prefettura dalle 16.30 in poi ad un sit – in per denunciare quanto sta accadendo.

ANPI-CGIL-LIBERA-UISP- Rete degli studenti  

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.