Stampa Stampa
12

DECADENZA SINDACO, PD: «“SATRIAMO” NON INGANNA IL POPOLO»


Riceviamo e pubblichiamo:

SATRIANO (CZ) – 2 DICEMBRE 2018 –  La caduta del Sindaco di Satriano, Dott. Aldo Battaglia, non è stato un fulmine a ciel sereno, noi del Movimento Politico SATRIAMO, attenti e competenti conoscitori di leggi e regolamenti, lo avevamo ampiamente preventivato …… molto anzitempo …!!!!

Battaglia Teodoro Aldo per liti pendenti con il comune di Satriano: era e rimane incompatibile alla carica di sindaco. Lo ha sancito il il Tribunale Civile di Catanzaro con ordinanza n. 7180/2018 del 23/11/2018 la quale, dopo ampia premessa, che riporta E valuta pedissequamente i fatti, le varie leggi e le solide motivazioni del caso, ha dichiarato Aldo Teodoro battaglia: decaduto dalla carica di sindaco del comune di Satriano.

E’ da sottolineare come i fatti e le valutazioni del Tribunale erano stati impostati prima ed esposti poi, nell’udienza del 14 Novembre u.s.,con alta professionalità dall’Avv. Francesco Maida e dall’Avv. Gregorio Greco!!!

Ebbene che il popolo, quel popolo che ha eletto questo Sindaco, sappia finalmente bene e si informi del contenuto della sentenza, tenendo presente che noi lo avevamo detto in tutte le salse, con l’onestà e la serietà che ci contraddistingue; lo aveva, a suo tempo, esposto e spiegato con dovizia di particolari l’avv. Francesco Maida nella sala consiliare del Comune e quindi tutti devono sapere e tenerne conto come, noi del Movimento Politico Satriamo, non abbiamo mai ingannato il popolo che noi giudichiamo sovrano quando esprime il consenso..!!

La stessa onestà non risulta però, in tutti coloro che testardamente si sono candidati,appoggiando un candidato a Sindaco che molti di loro sapevano,per esperienza e mestiere,essere coinvolto nel maledetto ed intricato affare della strada NotarmellI.

Hanno preferito invece,giocare d’azzardo, darsi all’avventura, ingannando la gente che confidando spesso nei loro rapporti personali,gli ha accordato un consenso ampio che Aldo Battaglia nemmeno sognava. Il sistema elettorale purtroppo prevede le preferenze per ognuno dei candidati che dovrebbero poi rispondere personalmente delle proprie azioni amministrative politiche e soprattutto …. morali …. !!!!

Molti dei candidati e specialmente i vari supporters che stanno intorno, hanno agito spesso per immotivato dispetto nei nostri confronti o forse per malcelati,indifferibili interessi, puntando tutto sulla eventuale lungaggine dei processi giudiziari e cercando così di guadagnare qualche scampolo di amministrazione.

Ecco perché, pur rispettando il volere del popolo che ha eletto questo Sindaco, noi condanniamo tutti coloro che questo popolo hanno deviato dalla verita’, consegnando le loro personali preferenze ad un Capo non compatibile.

La responsabilità di quanto accaduto ricade solo su di essi, specie sulle leve più giovani che con la gran cassa hanno annunziato spesso il cambiamento, di cui evidentemente non c’era affatto bisogno, considerato , come alla luce dei fatti, si siano ritrovati così in basso con un Sindaco Decaduto.

Osserviamo pure, rimanendo basiti, la grande ipocrisia di questi giovani che promettevano: novità, trasparenza, intransigenza ed onestà, mentre oggi, senza un pizzico di autonomia si ritrovano, pur di conservare la poltrona, anonimi e consenzienti servitori del capo.

Non hanno creduto prima e fanno finta di non credere ancora oggi di fronte ad un fatto grave ed acclarato: la decadenza del loro sindaco dichiarata dal Tribunale Civile di  Catanzaro …….

La circostanza avrebbe voluto che tutti, per moralità ed onestà, di fronte al popolo di Satriano si fossero dimessi in blocco…!!! Pertanto, certi del nostro operare diciamo: “Andate pure in Appello, allungate pure il brodo, lo scampolo di vita amministrativa che vi resta sarà la controprova delle vostre contraddizioni e delle vostre bugie … stavolta il popolo se ne accorgerà … e niente sarà più come prima … !!!!”

Francesco Mercurio – SEGRETARIO DEL CIRCOLO PD DI SATRIANO

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.