Stampa Stampa
11

DAVOLI, PICCOLO TASSELLO DI CULTURA CALABRESE


Venerdì prossimo presentazione del libro “Soverato tra mare e terra”. Riceviamo e pubblichiamo:

DAVOLI (CZ) – 19 SETTEMBRE 2018 –  «Con l’auspicio di risvegliare l’attenzione dei cittadini del comprensorio soveratese, ed a testimonianza di un piccolo tassello del panorama culturale calabrese dove la conoscenza archeologica non è diffusa in maniera capillare come dovrebbe, venerdì 21 settembre presenteremo nella Biblioteca pubblica dell’Associazione Volontariato Vincenziano di Davoli il libro “Soverato tra mare e terra, archeologia e paesaggi” a cura di A. Maida, M.A. Pisano e R. Riverso.

Il volume, che segue la realizzazione del libro Il Tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi (2010), comprende i contributi di esperti come: G. Lena, A. Ruga, C. Raimondo, G. Macrì, S. Mariottini. Esso è il risultato di una ricerca pluriennale compiuta sul territorio e aggiunge nuovi elementi alla conoscenza della storia di Soverato evidenziandole potenzialità ‘archeologiche’ provate fin dai primi decenni del Novecento e confermate dalle recenti indagini della Soprintendenza Archeologica.

Nel testo, frutto di lunghi anni di ricerca, si presentano i risultati delle campagne di ricognizioni di superficie e della ricerca archivistica e storica-fotografica condotta dal Gruppo archeologico Paolo Orsi. Il ricco corredo fotografico si propone di restituire alla memoria di chi legge persone e luoghi di un tempo auspicando un maggiore rispetto del territorio ormai profondamente trasformato ma ancora ricco di risorse.

L’elaborazione di tavole tematiche assolve lo scopo di restituire graficamente una parte dell’ampio mosaico dell’antica viabilità soveratese, la mappatura delle risorse idriche e, attraverso un’attenta analisi dei dati raccolti, la localizzazione dei resti dell’antico porto di Soverato. A compendio del volume viene pubblicata la prima ‘Carta Archeologica e dei Beni Culturali di Soverato, quale strumento di conoscenza e tutela nella pianificazione e gestione del territoriale e, infine, i documenti originali provenienti dall’archivio storico della soprintendenza archeologica di Reggio Calabria».

Angela Maida, Gruppo archeologico Paolo Orsi – Soverato 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.