Stampa Stampa
745

DA NEW YORK AD AMARONI, VENANZIO CIAMPA: STORIA DI UN’EMIGRAZIONE “AL CONTRARIO”


Figlio del famoso cardiochirurgo Virgilio  e della giornalista Vicki, manager di successo  in una famiglia di successo, racconta il suo legame viscerale con la “Cittadina del Miele”

di Franco POLITO

AMARONI (CZ) –  18 MAGGIO 2020 –  Amaroni è vicino all’America. L’America è vicino ad Amaroni.

Storia di “emigrazione al contrario”. Come quella di Venanzio Ciampa.

La sua famiglia, amaronese doc, un’istituzione da queste parti, è il simbolo per eccellenza del legame a doppio ritorno fra la “Cittadina del Miele” e gli Usa.

Venanzio, ex pugile, giornalista, è presidente dell’agenzia di comunicazione e marketing “The Promotion Factory”, un piccolo gioiello dell’eccellenza Italiana trapiantata nel cuore di Manhattan che vanta clienti come Gucci, Girard Perregaux, TAG Heuer, Bulova, Frederique Constant, Karl Lagerfeld e tante altre aziende che si affidano alla direzione di Venanzio per curare anche gli aspetti digital oggi fondamentali nel mondo dei Luxury Brands. 

Virgilio, il padre, scomparso nel 2018, si trasferì giovane all’ombra della Grande Mela newyorkese. Divenne uno dei più apprezzati cardiochirurghi nel mondo.

E poi …

«Poi sposò Vichi – racconta Venanzio – insegnante e giornalista americana, dalla quale siamo nati io e i miei tre fratelli: Adele (sceneggiatrice cinematografica e televisiva) e Thomas Ciampa (attualmente, vice presidente Warner Bros. Italy) in Italia, Jo (ex modella, ora attrice, produttrice, ambasciatrice del cinema italiano a Los Angeles).

A  metà degli anni Settanta, ci siamo trasferiti in Italia, vivendo tra Roma e Amaroni prima che decidessi di tornare oltreoceano».

Amaroni, appunto. Un legame che va oltre

«Amaroni per noi è tutto: mi ha formato in gioventù e aiutato a diventare quello che sono oggi. ’amicizia, la solidarietà sono scavati sui volti della gente, dal saluto del mattino al bar alle serate passate a conversare e mangiare i nostri piatti unici.

Lì c’è un bel po’ di cose. Quella comunità è sinonimo di bellezza, altruismo, solidarietà, rispetto degli altri, aria pura, buon cibo, umanità e tanta, ma tanta, voglia di vivere.

Da sx: Jo, Venanzio, la signora Vichi, Thomas e Adele

Ci sono gli indimenticabili amici d’infanzia. Tutte le volte, che ci torno, specie in estate, è straordinario incontrarli. Ogni volta, il calore e l’accoglienza mi avvolgono con  rinnovata energia. Tutto è scavato sui volti della gente, dal saluto del mattino al bar alle serate passate a conversare e mangiare i nostri piatti unici.

Consentitemi un “vezzo”, c’è anche l’azienda agricola di famiglia che produce l’olio extra vergine d’oliva “Ciampa Antico”.

Insomma ci sono tante cose …»

Tra esse anche la recente istituzione di una borsa di studio intitolata a sua madre

«Sì – spiega Venanzio -, grazie alla sempre appassionata collaborazione dell’amministrazione comunale, nel  2016 ho deciso di fare qualcosa a favore degli studenti universitari e post universitari amaronesi. 

Così è nata la “Borsa di Studio Vichi Ciampa” con la quale abbiamo deciso di valorizzare la “risorsa giovani” premiando due progetti che fossero espressione di abilità e  competenze professionali nell’ambito di un rafforzamento del legame con la Comunità Amaronese di origine.

Un’iniziativa, dunque, che va al di la di un semplice “investimento” formativo personale, che mira a rinsaldare un legame affettivo con la propria Terra traducendosi in un “investimento collettivo” da cui l’intera popolazione locale possa trarre benefici»

Quest’anno il Coronavirus ha rimescolato le carte    

«Non poteva essere un’epidemia a fermare l’amore per i giovani trasmessomi da mia madre (passata a miglior vita nel 2014) – ci confida –. Lo stimolo che inizialmente ha fatto da slancio dell’iniziativa mi ha imposto di adeguarla al particolare momento che stiamo attraversando.

Nello spirito di tutto ciò, quest’anno – assieme al Sindaco Luigi Ruggiero e alla Giunta comunale e naturalmente ai miei fratelli Jo, Adele, Thomas – abbiamo deciso di usare la donazione del Premio intitolato a nostra madre Vicki Ciampa, che negli anni scorsi era mirata ad aiutare studenti sulla base di progetti specifici, trasformandolo in bonus per sostenere oggi 20 studenti amaronesi, ai quali verranno dati 400 euro a testa, costretti a stare fermi nelle località universitarie dove abitano e studiano».

Come si vive a New York al tempo del Coronavirus?

«Come tutti – spiega Venanzio Ciampa – anche mia moglie Robin Merendino e io stiamo cercando di navigare in questo mare tempestoso del Covid-19 a New York City.

Ma nonostante le difficoltà di lavoro amplificate, quando la sera ceniamo assieme, un pensiero che ci fa sentire vivi, e guardarci con un sorriso vero, è quello del nostro Paese adottivo in Calabria».

Amaroni, per Venanzio Ciampa, ma non solo, più forte del virus. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.