- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

COVID, TAVERNISE: «SI ALLA RIAPERTURA DEGLI OSPEDALI DI CARIATI, LUNGRO, MORMANNO, MESORACA E SCILLA»

L’esponente 5 Stelle: “Per adibirli a Covid Hospital dopo l’annuncio di Roberto Occhiuto”

 di REDAZIONE 

CORIGLIANO ROSSANO (CS) –  30  DICEMBRE 2021 – “Si riaprano gli ospedali, ad oggi dismessi, di Cariati, Lungro, Mormanno, Mesoraca e Scilla, perché vengano adibiti a Covid hospital.

La crescita esponenziale del numero dei contagiati, con il consequenziale aumento della domanda di assistenza sanitaria, impone, come annunciato dallo stesso Presidente di Regione, Roberto Occhiuto, una tempestiva e decisa risposta. Risposta che, però, notoriamente deve fare i conti con la strutturale fragilità del sistema sanitario calabrese.

A tanto, fanno il passo i rilievi mossi dalla Corte dei Conti recentemente, per cui in Calabria dei 134 nuovi posti letto in terapia intensiva, da aggiungersi agli esistenti 146 già attivi, e alla riconversione in posti di terapia semi-intensiva per 136 postazioni, ci ritroviamo solo 4 nuovi posti di terapia intensiva. Tutti gli altri interventi risulterebbero ancora da avviare.

Non bastasse, il contributo dei privati alla gestione dell’emergenza sanitaria è stato minimo. Valutata, dunque, nel complesso la rete territoriale calabrese, con interventi solo pianificati, previsti, ma da realizzarsi probabilmente, nel 2022 inoltrato, la riapertura dei nosocomi di Cariati, Lungro, Mormanno, Mesoraca e Scilla, strutture in parte già operative, perché vengano adibiti a Covid hospital risulta essere la risposta più veloce, efficiente ed efficace, all’aumento dei contagi e dei ricoveri.

La stessa soluzione a più riprese, nel corso dell’emergenza sanitaria, è stata sollecitata dalle stesse amministrazioni comunali”. 

Davide Tavernise, Capogruppo per il M5S, presso il Consiglio regionale della Calabria, torna, dunque, sui nosocomi dismessi nel 2010, in una nota inviata nel pomeriggio di ieri, 28 dicembre, ai Presidenti Occhiuto e Mancuso, nonché al Presidente della Commissione sanità Michele Comito.

“Il Vittorio Cosentino di Cariati – continua Tavernise – in attesa di essere riconvertito in ospedale di zona disagiata, offre le adeguate caratteristiche per entrare in funzione in tempi brevissimi a questo scopo. Lo stesso si può dire della struttura sanitaria del Capt di Lungro, con piani interamente ristrutturati ed arredati, nonché delle strutture di Mormanno, di Mesoraca e di Scilla, che presentano ambienti nuovissimi e ampli. 

Le strutture indicate, che in una situazione sanitaria ordinaria, potrebbero, dunque, garantire oltre 200 posti letto, oggi si presentano come idonee, tanto negli spazi a disposizione, per ogni misura di sicurezza, quanto per impiantistica presente, ma inutilizzata, come la Tac del Capt di Lungro, per essere adibiti a Covid hospital dedicati a ricoveri non intensivi. 

 Strutture che vedrebbero il personale sanitario, in via di assunzione, addestrato a gestire i pazienti in ingresso secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e le linee guida emanate dai Centri di riferimento”.

“È giunto il momento di accelerare fortemente – conclude Tavernise –  perché la Calabria è in grave ritardo rispetto all’emergenza, scaturita dalla quarta ondata della pandemia, e mi rivolgo a voi tutti, perché non ho dubbi di trovarvi sulle mie stesse posizioni. Pertanto, sollecito, altresì, l’inserimento degli ospedali di Trebisacce e Praia a Mare nella rete ospedaliera, nel nuovo piano operativo regionale, riaprendo i reparti per come le sentenze del Consiglio di Stato impongono”.