Stampa Stampa
14

COVID, SPIRLÌ: «CALABRIA IN ZONA GIALLA, MA SERVE COMPORTAMENTO RESPONSABILE»


Il presidente comunica il cambio di fascia per la regione. Appello ai cittadini: «Necessario autocontrollo per evitare un peggioramento»

di REDAZIONE 

CATANZARO – 12 DICEMBRE 2020 –  «Il ministro Speranza mi ha appena comunicato che la Calabria andrà in zona gialla da domenica prossima, dopo la pubblicazione del relativo provvedimento in Gazzetta ufficiale, previsto per domani».

Lo riferisce il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì.

«È una conferma – prosegue – di un trend positivo reso possibile dal comportamento dei calabresi e dall’organizzazione del nostro sistema sanitario. Essere in zona gialla non risolve però il grave problema rappresentato dal Covid. Il virus è attivo e continua a vivere in mezzo a noi.

I Calabresi dovranno continuare a mantenere un comportamento responsabile, saper gestire – con doveroso autocontrollo – ogni attività personale, familiare e sociale, al fine di evitare un peggioramento di cui conosciamo, abbondantemente, gli effetti nefasti.

Lo dobbiamo alle persone care che molti di noi hanno perduto, lo dobbiamo a chi ancora sta soffrendo ricoverato in ospedale, lo dobbiamo ai più deboli e a tutti coloro i quali, pur non contagiati, potrebbero diventarlo per una leggerezza imperdonabile».

«Da domenica – conclude il presidente Spirlì –, occhi aperti e self control. La zona gialla consentirà, finalmente, la ripresa delle attività commerciali che erano state fermate.

Ma le nuove disposizioni non dovranno essere considerate una sorta di tana libera tutti, perché, purtroppo, il Covid-19 non è un gioco».

ECCO COSA CAMBIA 

In Calabria si potrà nuovamente:

spostarsi liberamente all’interno del proprio Comune e tra Comuni diversi, tranne che tra le ore 22 e le 5 del mattino in cui è vigore il “coprifuoco”.

Per spostarsi nelle ore notturne occorrono ragioni specifiche (lavoro, salute o necessità e urgenza) da certificare tramite apposito modulo di autocertificazione;
spostarsi liberamente al di fuori della Regione e andare in un’altra Regione in zona gialla (tranne che tra le 22 e le 5 del mattino).

Per spostarsi in una regione in “zona arancione” o “rossa” servono ragioni specifiche (lavoro, salute, necessità e urgenza) e apposito modulo di autocertificazione;

andare al bar, fino alle ore 18;

andare al ristorante, fino alle ore 18: dopo quell’ora è consentita la consegna a domicilio e, fino alle 22, è possibile acquistare cibo da asporto (non consumabile nelle adiacenze del ristorante);

andare in un centro commerciale nei giorni feriali;

andare da amici e parenti: la raccomandazione è quella di continuare a non andare a visitare persone non conviventi.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.