Stampa Stampa
10

COSENZA, VERSO UN’IDEALE PROVINCIA BIZANTINA


Città sposta dialogo verso i comuni arbëreshe per costruire insieme un percorso che da un lato ne rafforzi i rapporti

di REDAZIONE

COSENZA – 27 LUGLIO 2019 –  Si estende ai comuni dell’ampia comunità arbëreshe della provincia di Cosenza il progetto della Piattaforma dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, lanciato dal Comune di Cosenza e da Assocultura e che ha visto già concretizzare solide relazioni internazionali sia con la Grecia, attraverso la ratifica del patto di amicizia con la città di Salonicco che, la scorsa settimana, con il Marocco e la città di Rabat con la quale, nel prossimo mese di settembre, sarà sottoscritto un analogo patto finalizzato ad implementare una rete di sinergie ed esperienze condivise, soprattutto sul versante turistico, ma anche sul fronte dello scambio di conoscenze e approfondimento di culture.

Ora il dialogo da Cosenza si sposta verso i comuni arbëreshe per costruire insieme un percorso che da un lato ne rafforzi i rapporti allo scopo di creare un’ideale provincia bizantina che includa, riconoscendo a Cosenza il ruolo di città capofila, in quanto capoluogo di provincia, tutte le comunità (circa 23) disseminate sul territorio ed accomunate dalla lingua e dal rito bizantino, depositarie di un prezioso patrimonio culturale e religioso, custodito e coltivato da quasi sei secoli nei paesi italo-albanesi.

L’obiettivo finale di questo percorso è quello di sbarcare in Albania e pervenire, in tempi ravvicinati, alla sottoscrizione di un patto di amicizia anche con la città di Tirana.

 Le basi di questo progetto sono state gettate nel corso di un incontro che ha visto seduti allo stesso tavolo l’Assessore al turismo e marketing territoriale di Palazzo dei Bruzi Rosaria Succurro, il Presidente di Assocultura-Confcommercio, Avv.Mariano Marchese e il Sindaco di San Demetrio Corone, Salvatore Lamirata.

L’incontro con il Sindaco di San Demetrio Corone ha fatto seguito ad altri incontri che l’Assessore Succurro sta avendo in queste settimane con altri comuni arbëreshe. Altri ancora ne seguiranno nei prossimi giorni.

“Siamo ormai proiettati – ha sottolineato nel corso dell’incontro l’Assessore Succurro – verso una dimensione internazionale che fa aggiungere alle intese già raggiunte, come con la Grecia, ed a quelle in itinere, come con il Marocco, un ulteriore tassello che è quello che stiamo costruendo con i comuni della comunità arbëreshe al fine di utilizzare con evidenti ricadute sul piano turistico, culturale ed economico, il ricchissimo patrimonio dei centri albanofoni dove si è realizzata, accanto ad una positiva integrazione, un’attenta custodia e coltivazione del patrimonio storico, culturale e religioso che rappresenta una testimonianza visibile della possibile pacifica convivenza di culture differenti, che, se condivise, si arricchiscono reciprocamente.

A settembre a Cosenza organizzeremo un vero e proprio raduno di tutti i comuni arbëreshe della provincia durante il quale daremo sostanza e concretezza ai nostri propositi”.

“Siamo impegnati – ha aggiunto dal canto suo il Presidente di Assocultura-Confcommercio Mariano Marchese – in un processo volto ad evidenziare la bizantinità calabrese che abbiamo già individuato in un percorso regalato al Sindaco di Salonicco Yiannis Boutaris quando ci siamo recati in Grecia a sottoscrivere il patto di amicizia.

Un percorso rispetto al quale – ha aggiunto Marchese – c’è un interesse anche dall’Istituto Treccani che vorrebbe ricavarne un prodotto multimediale. La rete culturale, turistica e commerciale che stiamo costruendo con il progetto della Piattaforma dei Paesi del Mediterraneo non può prescindere da quelle icone bizantine che sono presenti nell’alto e nel basso Ionio, da Montegiordano a Cariati.

Cosenza avrà un ruolo di traino e sarà al centro delle iniziative che da qui in avanti saranno organizzate e che vedranno coinvolta prossimamente anche Malta con la città di La Valletta”.

Soddisfazione per il percorso avviato è stata espressa anche dal Sindaco di San Demetrio Corone Salvatore Lamirata che si è detto lieto di partecipare al progetto complessivo teso a valorizzare le testimonianze bizantine presenti sul territorio che hanno visto sorgere a San Demetrio Corone, ai tempi del grande monastero basiliano fatto erigere da San Nilo da Rossano, il complesso monastico ritenuto il centro spirituale e culturale della Calabria.

Il Sindaco di San Demetrio Corone ha espresso positivo apprezzamento anche per l’obiettivo di stringere un patto di amicizia con la città di Tirana che potrebbe avere importanti ricadute sul piano turistico, culturale ed economico sviluppando importanti relazioni tra i rispettivi territori e sancendo l’incontro tra due popoli che hanno radici comuni”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.