Stampa Stampa
19

COSENZA – IL REPORT DELLA MOBILITAZIONE REGIONALE COLDIRETTI


Il governatore della Calabria Mario Oliverio firma il manifesto a difesa del latte e dei formaggi . Basta trucchi e trucchetti. la svolta e’ etichettatura obbligatoria

di REDAZIONE 

COSENZA – 5 MAGGIO 2016 –  Sono oltre ottomila le firme di condivisione al “Manifesto sull’Etichettatura elaborato da Coldiretti per la tutela e difesa del Made in Italy nel settore agroalimentare.

La prima è stata quella del Governatore Mario Oliverio e poi a seguire  il Presidente del Consiglio Regionale Nicola Irto, i consiglieri Arturo Bova, Franco Sergi, Carlo Guccione e D’Acri e tanti altri rappresentanti istituzionali ad ogni livello, di agricoltori, cittadini-consumatori, rappresentanti di associazioni culturali, dei consumatori e scientifiche che hanno affollato e apprezzato la “Fattoria Campagna Amica” allestita dalla Coldiretti in Piazza dei Bruzi a Cosenza. 

La conferma della valenza della mobilitazione che chiede l’indicazione di origine del prodotto agricolo in etichetta da subito nel latte a lunga conservazione e nei prodotti della filiera lattiero casearia, viene dall’adesione di importanti e primarie imprese del comparto tra le quali:  ASSOLAC, FATTORIE DELLA PIANA, COOPERATIVA CAMPOTENESE, CASEARIA SILANA,VALLEFIORE, CASEIFICIO DEL FULLONE, CASEIFICIO EREDI SERRA, CASEIFICIO PAESE.

“Questa è la prova provata – ha commentato Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – che l’etichettatura è il valore aggiunto per assicurare reddito agli agricoltori, garantire l’occupazione ed evitare la chiusura delle imprese agricole. Pur consapevoli delle difficoltà dell’agricoltura di fare reddito – aggiunge – Coldiretti ha un concreto sguardo di prospettiva e parte dai punti di forza del settore.  La nostra agricoltura, è la  piu’ green d’Europa con 281 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp),(in Calabria 15) il divieto all’utilizzo degli ogm e il maggior numero di aziende biologiche (la Calabria è la seconda regione”, ma è anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%), quota inferiore di quasi 4 volte rispetto alla media europea (1,4%) e di quasi 20 volte quella dei prodotti extracomunitari (7,5).

Non c’è piu’ tempo da perdere e occorre rendere anche finalmente pubblici i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero per far conoscere anche ai consumatori i nomi delle aziende che usano ingredienti stranieri”, ha ribadito il presidente della Coldiretti Calabria Pietro Molinaro nel sottolineare che “bisogna liberare le imprese italiane dalla concorrenza sleale delle produzioni straniere realizzate in condizioni di dumping sociale, ambientale con rischi concreti per la sicurezza alimentare dei cittadini”.

 

DATI PRODUZIONE LATTE VACCINO IN CALABRIA: UN FIUME DI LATTE CLANDESTINO

340 ALLEVAMENTI AL 31.12.2015

17% IN MENO RISPETTO AL 2007

circa 1000 addetti con l’indotto.

litri di latte

%

 

         62.000.000

46,27%

produzione calabrese

         38.000.000

28,36%

importazioni di latte

         34.000.000

25,37%

importazioni di cagliate in latte equivalente

      134.000.000

 

totale latte lavorato in Calabria

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.