- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

“COSANGELES”, LA CITTÀ TRA MITO E REALTÀ DI LEPORACE

Il primo libro di racconti del giornalista calabrese

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  19 MARZO 2021 –  Undici racconti nella cornice di Cosenza, “narrata tra epica di strada e una buona dose di noir”. Lo sfondo è quello degli anni Settanta e Ottanta.

In “Cosangeles” (Pellegrini editore) Paride Leporace descrive “una città in bilico tra mitologia e realtà, tra doppiezze e dualismi, e ‘cose’ che non ci sono più ma che restano incollate alla memoria e paiono portare in una terra mitica, una sorta di ‘Itaca dell’anima’”.

Due i protagonisti dei racconti. Ciccio Paradiso, alter ego dello scrittore, e Jo Pinter, “un attore di cinema e teatro off, pubblicitario, commerciante, creatori di locali di tendenza che – è spiegato in un comunicato diffuso dalla casa editrice – erano entrati nella leggenda, vitellone rollingstoniano, guidatore di auto sportive per diletto e autore di beffe, biscazziere, cartaro di tarocchi e di cartine ma soprattutto quello che si era inventato il neologismo ‘Cosangeles'”.

Nato a Cerisano (Cosenza) nel 1962, Leporace ha diretto diversi quotidiani. Esperto di cinema, ha guidato la Lucana Film Commission. Ha scritto il saggio “Toghe rosso sangue”. Oggi vive tra Calabria, Basilicata e Campania e “Cosangeles” è il suo primo libro di racconti: per scriverlo ha utilizzato “un linguaggio audace e coinvolgente”, con “la fluidità di un discorso indiretto libero che pare raccolto mimeticamente in mezzo alla strada”.

E così negli undici racconti sono riconoscibili gli anni Settanta e Ottanta, con “le derive esistenziali, i luoghi e i riti dell’estate sulla Costa tirrenica, i locali da ballo e da sballo, i viaggi, le Spoon river generazionali, i fuorisede romani, i malavitosi come Franco Pino nella parte di se stesso, le feste, i punk , gli hippy, gli ultrà, la voce della radio, i poeti maledetti, i quartieri del centro e della periferia, i cantautori malandrini come Fred Scotti e la ‘ndrangheta reggina vista da vicino, con una colonna sonora che spazia da ‘Buonanotte Cosenza’ ai Joy Division”.