Stampa Stampa
23

CORONAVIRUS IN CALABRIA, PAOLO GAMBARDELLA SCRIVE ALLE AUTORITÀ


Lettera aperta del Presidente Regionale dell’Associazione Italiana pneumologi Ospedalieri (Aipo). Riceviamo e pubblichiamo:

PRESERRE (CZ) –  3 MARZO 2020 – Al Commissario ad acta Piano di Rientro Generale Dott. Saverio  Cotticelli Al Dirigente generale Dipartimento Tutela della salute e Politiche sanitarie Regione Calabria Dott. Antonio Belcastro Al Commissario ad interim dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza Dott. Giuseppe Zuccatelli

In qualità di Presidente regionale dell’ASSOCIAZIONE ITALIANA PNEUMOLOGI OSPEDALIERI (AIPO) esprimo indignazione e preoccupazione per la sospensione delle attività di ricovero dovuta alla grave carenza di personale medico specializzato che si è venuta a determinare nella Unità Operativa Complessa di Pneumologia dell’Ospedale di Castrovillari.

Tale decisione appare inconcepibile ed assolutamente irrazionale, infatti espone i pazienti affetti da gravi patologie respiratorie a rischi elevati per la propria salute, oltre che a notevoli disagi dovuti al trasferimento in altri Ospedali dei pazienti respiratori che afferiscono in Pronto Soccorso.  Non è più sopportabile che i livelli di assistenza dei cittadini calabresi debbano essere inferiori a quelli del restante territorio nazionale.

Attualmente nell’U.O. di Pneumologia è in servizio un solo medico che deve assistere i pazienti ancora degenti nell’U.O. ed ancora non dimissibili.

La Pneumologia di Castrovillari da tantissimi anni è punto di riferimento per i pazienti affetti da patologie dell’apparato respiratorio residenti nella zona nord della Calabria.  Gli specialisti pneumologi svolgono attività, con professionalità e dedizione, nel campo dell’insufficienza respiratoria, terapia subintensiva respiratoria e ventilazione polmonare non invasiva, disturbi respiratori del sonno, pneumologia interventistica.

Per giunta la sospensione del Servizio avviene per assurdo in un momento nel quale il Ministero della Salute ha decretato lo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 ed in tutto il territorio nazionale ci si sta attivando per aumentare il personale sanitario allo scopo di fronteggiare l’emergenza.

Le Unità Operative di Pneumologia sono coinvolte in primo piano nella gestione delle manifestazioni respiratorie di tale malattia che possono giungere fino alla grave insufficienza respiratoria con necessità di ossigenoterapia ad alti flussi e di ventilazione polmonare non invasiva ed invasiva.

L’Associazione Nazionale Pneumologi Ospedalieri esprime viva protesta per la suddetta decisione, e Vi esorta ad attivare con la massima urgenza tutte le procedure, previste in caso di emergenza, per la selezione di specialisti pneumologi e la rapida riapertura del Reparto. 

Se ciò non avvenisse, assumersi la responsabilità dell’interruzione del Servizio in un tale contesto storico, anche considerato che il primo caso di Covid-19 si è verificato proprio nella provincia di Cosenza, sarebbe un grave atto a discapito della tutela della salute dei cittadini calabresi. 

Dr Paolo Gambardella, Presidente AIPO Regione Calabria

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.