Stampa Stampa
52

CORONAVIRUS: AUTOPRODUZIONE MASCHERINE A VALLEFIORITA, MINORANZA IN AIUTO DEL SINDACO A PALERMITI


Iniziative contro l’emergenza nei due Comuni delle Preserre Catanzaresi

 di Salvatore TAVERNITI (Gazzetta del Sud) 

PRESERRE (CZ) –  21 MARZO 2020 –  Il Comune di Vallefiorita ha avviato l’autoproduzione di mascherine da fornire alla comunità locale. 

Sono stati acquistati diversi metri di stoffa di cotone idrorepellente, calcolando che si riuscirà a produrre un migliaio di mascherine in pochi giorni, da consegnare a tutti i cittadini, grazie all’impegno di alcune volontarie. 

«Al momento – afferma il sindaco Salvatore Megna – sono già al lavoro le signore Rosa Tinello, Caterina Russumanno, Barbara e Marisa Olivadoti. 

Le mascherine sono lavabili e possono essere utilizzate più volte. Raccomandiamo, inoltre, che essere dotati di mascherina non equivale a poter circolare liberamente. 

Questo ormai dovrebbe essere chiaro a tutti, ma ci teniamo a ribadirlo. Daremo informazioni quanto prima sulle modalità di distribuzione delle mascherine». 

Intanto, disponibilità a qualsiasi tipo di attività per la tutela e difesa della salute dei concittadini. 

È quella che offre al sindaco di Palermiti il gruppo consiliare “Palermiti Luce Nuova” per fronteggiare l’emergenza coronavirus. 

«Per fortuna – afferma il capogruppo Domenico Emanuele – a Palermiti non risultano casi di positività al Covid-19. In questa fase grave di emergenza sanitaria siamo disponibili a collaborare e ad attuare fattivamente ogni azione per le necessità quotidiane della comunità». 

Emanuele, quindi, lancia al sindaco Roberto Giorla alcune proposte, chiedendo anzitutto di mettere in campo le misure utili per prepararsi ad un’eventuale necessità di attivazione del centro operativo comunale, garantendo i contatti con il comitato operativo regionale e il centro coordinamento dei soccorsi. 

«Occorre – prosegue – dimostrare vicinanza a tutta la popolazione con aggiornamenti quotidiani e informazioni utili». 

Per “Palermiti Luce Nuova” sarebbe importante attivare un numero di emergenza e comunicarlo soprattutto alla popolazione anziana, disinfestare i locali pubblici, attivare il volontariato locale, assicurare la continuità dei servizi essenziali, a partire dalla raccolta dei rifiuti, la fornitura di beni di prima necessità, l’assistenza alla popolazione in caso di attivazione di misure di contenimento, assicurare la pianificazione di servizi a domicilio per le persone in quarantena domiciliare con personale volontario addestrato».

 Insomma, una serie di suggerimenti formulati nel quadro dello spirito di collaborazione con la maggioranza. 

«Pensiamo a cose più importanti ora – conclude il gruppo di opposizione – perché la campagna elettorale la faremo a tempo debito».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.