Stampa Stampa
10

CONSUMI D’ACQUA, SERRA DICE “NO” AGLI SPRECHI


Ordinanza del commissario che, tra le altre cose, dispone il «divieto assoluto di utilizzo dell’acqua potabile proveniente dall’acquedotto comunale per l’innaffiamento di orti o giardini, impianti impianti sportivi, aree a verde privato, lavaggio di veicoli

Fonte: ILVIZZARRO.IT

SERRA SAN BRUNO (CZ) –  15 LUGLIO 2020 –  Il commissario straordinario del Comune di Serra San Bruno, Salvatore Guerra, ha adottato un’ordinanza che dispone il «divieto assoluto di utilizzo dell’acqua potabile proveniente dall’acquedotto comunale per l’innaffiamento di orti o giardini, impianti sportivi, aree a verde privato, lavaggio di veicoli, lavaggio di spazi ed aree pubbliche o private, riempimento piscine, nonché ogni altro uso diverso da quello autorizzato».

È esclusa, invece, dall’ambito di applicazione dell’ordinanza l’«utilizzo dell’acqua per la manutenzione ordinaria ed il mantenimento del verde pubblico».

Secondo quanto si legge nel provvedimento, infatti, «con l’arrivo della stagione estiva si registra un incremento dei consumi di acqua potabile dovuto, in particolare, ad usi impropri della risorsa in concomitanza di condizioni meteo sfavorevoli caratterizzate da elevate temperature e scarse/assenti precipitazioni».

Nel territorio comunale si sono verificate spesso «carenze idriche che potrebbero comportare nell’immediato futuro condizioni di emergenza idrica». Il commissario straordinario, quindi, ha avvertito la necessità di «adottare una serie di misure finalizzate a sensibilizzare la popolazione ad un impiego più consapevole della risorsa, al risparmio idrico ed alla limitazione degli usi non essenziali, ovvero il divieto di utilizzo dell’acqua per usi diversi da quello domestico/alimentare/igienico-sanitario».

Le violazioni rispetto a quanto previsto con il provvedimento di oggi saranno punite con una sanzione amministrativa variabile da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.