Stampa Stampa
73

CONCORSO IN ESTORSIONE AGGRAVATA, IMPRENDITORE DI GUARDAVALLE ARRESTATO A TORINO


Pretendeva di incassare 100 mila euro per un credito inesistente

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –   28 APRILE 2019 –  Pretendeva il pagamento di centomila euro da una società per la quale aveva svolto dei lavori, e quando il tribunale gli ha dato torto non ha esitato ad assoldare due persone per incassare il denaro con metodi brutali.

Tre persone ora sono state arrestate fra Torino e Venezia dai carabinieri del nucleo investigativo del capoluogo piemontese. Tutte sono di origini calabresi e risiedono a Torino. L’accusa e di concorso in tentata estorsione aggravata.

Al centro dell’indagine c’è il titolare di un’impresa edile che aveva chiesto i 100 mila euro in aggiunta al pagamento di lavori di restauro effettuati su un immobile di proprietà di una società riconducibile alla vittima.

Il 4 luglio 2017 la causa civile che aveva promosso era terminata con esito sfavorevole, così si era rivolto agli altri due. Telefonate, minacce, appostamenti e richieste di incontri sono andati avanti tra il luglio e il novembre del 2018.

Fra le persone arrestate figura Roberto Loccisano, 53 anni, originario di Gioiosa Ionica (Reggio Calabria) e residente a Borgaretto, il quale, ricorda il gip Giulio Corato nell’ordinanza di custodia cautelare, “è gravato da un assai allarmante precedente per omicidio commesso negli anni Ottanta nonché da ulteriori annotazioni relative a reati assai gravi per quanto risalenti nel tempo”.

Il delitto, per il quale Loccisano fu processato in Calabria, è quello di Rocco Gerardo Panetta, trovato senza vita nel 1984 in un casolare abbandonato a Ponzo di Gioiosa Ionica.

L’imprenditore arrestato è Cosimo Marziano, 61 anni, originario di Guardavalle (Catanzaro) e residente a Torino. L’uomo sosteneva che S. gli doveva 100 mila euro come somma aggiuntiva per dei lavori di ristrutturazione che aveva svolto: dopo l’esito sfavorevole della causa civile che aveva promosso, si sarebbe rivolto a due complici per incassare il denaro.

Il terzo arrestato è Cristian Scognamiglio, 43 anni, di Orbassano (Torino).

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.