Stampa Stampa
37

CINQUANT’ANNI SENZA PINO MALACARIA, ANPI E LIBERA INSIEME PER TENERNE VIVO IL RICORDO


Iniziativa congiunta il prossimo 4 febbraio in Piazzetta della Libertà. “Non vogliamo però sia rimosso anche il suo nome nella memoria e nella coscienza di questa città a lungo distaccata dalla propria storia”. Riceviamo e pubblichiamo: 

CATANZARO –  20 GENNAIO 2021 –  Cinquant’anni sono passati da quel 4 febbraio del 1971 quando l’operaio Pino Malacaria venne colpito a morte da una bomba lanciata nel corso di una manifestazione antifascista.

Verità e giustizia non ve ne furono. In perfetta linea con quanto avvenuto in quegli anni – da Piazza Fontana in poi – è sempre stato difficile dare un volto e un nome ai colpevoli.

Così è stato anche nel caso di Malacaria, dopo cinquant’anni non si sa nulla, sui mandanti, sugli esecutori, sui depistaggi, sulle collusioni tra ambienti fascisti e ‘ndrangheta, sulla volontà insomma di dimenticare presto quella giornata.

Sono svanite le speranze della riapertura del processo, non vogliamo però sia rimosso anche il suo nome nella memoria e nella coscienza di questa città a lungo distaccata dalla propria storia.

Pur nelle limitazioni imposte dalla pandemia saremo in Piazzetta della Libertà sotto la targa che ricorda quella tragica giornata per commemorare il 50° anniversario.

Appuntamento alle 17 in forma ridotta con assoluto rispetto delle norme anticovid.

Senza memoria non c’è futuro.

Comitato provinciale ANPI Catanzaro

Coordinamento LIBERA Catanzaro

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.