Stampa Stampa
48

CHIARAVALLE, FOTI A PELAIA: HAI GOVERNATO E HAI FALLITO, ORA LASCIACI LAVORARE


Duro attacco al consigliere forzista: per smania di visibilità parli a vanvera 

di REDAZIONE

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) –  20 AGOSTO 2019 – “Hai governato e hai fallito politicamente e da un punto di vista amministrativo, adesso lasciaci lavorare”.

 E’ il senso della dichiarazione rilasciata alla stampa dal consigliere di maggioranza Claudio Foti e indirizzata al neo consigliere d’opposizione ed ex vicesindaco Bruno Pelaia (che ha da poco surrogato in aula l’ex sindaco Gregorio Tino dopo le sue dimissioni).

“A Chiaravalle era buona consuetudine evitare le futili polemiche politiche durante i festeggiamenti patronali. Un segno religioso di rispetto, una sensibilità di antico costume etico che, evidentemente, manca al neo consigliere comunale di minoranza Bruno Pelaia.

Interrompendo una lunga tradizione, infatti, solo per smania di visibilità mediatica, il nostro eroe ha inteso sollevare proprio mentre i fedeli seguivano in corteo la Madonna della Pietra, un inutile polverone su questioni di lana caprina, ovvero su problematiche della rete idrica già di gran lunga oggetto di intervento da parte dell’amministrazione comunale”.

Scrive in una nota il consigliere comunale di maggioranza con delega ai Lavori Pubblici, Claudio Foti.

“Fresco di nomina, ma con un passato alle spalle che la dice tutta in termini di risultati mai raggiunti – attacca Claudio Foti – il consigliere Pelaia dimentica di aver ricoperto per quattro anni l’incarico di vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica, con un occhio sempre vigile sui tributi”.

“Pelaia dimentica – prosegue Foti – di aver contribuito a ridurre il Comune a colabrodo: che perdeva acqua da tutte le parti, con reti tecnologiche fatiscenti, un programma di opere pubbliche vuoto, i tributi lasciati in stato di abbandono, il piano strutturale chiuso in un cassetto per tre anni e mezzo”.

“Pelaia però – continua Foti – lo ricordiamo molto vigile a controllare la presenza negli uffici dei dipendenti, senza avere risultato alcuno, per finire con la dichiarazione di dissesto finanziario, da lui approvata”. “Strano – è l’ironica considerazione dell’esponente di maggioranza – che Pelaia non parli del disastro dei tributi che ha lasciato in eredità a noi, dei continui disagi che in questi anni stanno vivendo i cittadini a causa delle scelte scellerate compiute durante la sua amministrazione”.

“Oggi, di buon mattino, Pelaia si erge ad ispettore delle reti – scrive Claudio Foti – enfatizzando situazioni di disagio momentaneo, accusando la politica su aspetti esclusivamente di carattere gestionale.

Dimentica i disagi continui, giornalieri e ripetuti, sotto il suo operato. Continui perché in quattro anni da amministratore l’ex vicesindaco Pelaia non ha avviato e concluso neanche un intervento sulle reti tecnologiche a valenza programmatica.

Oggi giunge con estremo ritardo il consigliere Pelaia, in quanto le criticità oggetto delle sue presunte rimostranze sono già attenzionate dagli uffici”.

Entrando nel merito: “Per la problematica idrica del rione Felicetta, gli uffici comunali asseriscono che nel periodo di maggiore utilizzo (metà luglio – fine agosto) l’area interessata ha sempre lamentato cali di pressione. I motivi sono imputabili, prevalentemente, al consumo non a scopo domestico della risorsa acqua.

Gli uffici, costantemente, tramite ditte di fiducia (in quanto l’amministrazione non ha in pianta organica personale specializzato addetto alle reti tecnologiche), stanno monitorando l’area interessata per verificare, tra l’altro, l’esistenza di eventuali perdite, allo stato attuale non riscontrate.

La criticità lamentata su via Spasari è sotto controllo. Sono stati eseguiti i dovuti sopralluoghi necessari per organizzare i lavori e rimuovere l’inconveniente che non riguarda la rete idrica”.

“Sicuramente – sottolinea Claudio Foti – a differenza del consigliere Pelaia questa amministrazione, dal primo istante, è stata attenta alle problematiche delle reti idriche e fognarie.

Evidente, la memoria corta e la poca attenzione dell’ex vicesindaco forzista lo fanno cadere in fallo.

Oppure c’è un tentativo di buttare fango per oscurare argomenti dove lui stesso ha fallito”.

Tra le attività poste in essere dall’attuale amministrazione comunale, guidata dal sindaco Mimmo Donato: “1. Impianto di clorazione automatica al servizio dei serbatoi Bufalo e Natalello, con l’obiettivo di migliorare le caratteristiche sulla potabilità dell’acqua.

Argomento sconosciuto all’esponente di Forza Italia che per quattro anni, disattendendo le norme, ha ignorato di affidare l’incarico ad un laboratorio per il controllo delle acque.

  1. La sostituzione delle porte in avanzato stato di degrado delle cabine di captazione in area montana. Situazione di cui lui ignorava l’esistenza, non conoscendone neanche l’ubicazione.

  2. Aumentata capacità idrica dei serbatoi comunali, in modo da ridurre di molto le criticità ereditate da una amministrazione, quella del consigliere Pelaia, sempre assente e disattenta anche sotto questo profilo.

  3. Sostituzione di intreri chilometri di rete per migliorare la funzionalità degli impianti.

  4. Finanziamento di circa due milioni di euro per realizzare la rete fognaria nelle zone rurali.

Senza bisogno di dirlo, progetto che lui, in quattro anni da assessore, non è riuscito neanche a immaginarlo”.

“Sicuramente – conclude Claudio Foti – tanto ancora bisognerà fare, naturalmente in funzione delle esigue risorse finanziarie disponibili.

Ma certamente seguiremo la nostra bussola, il nostro percorso, il nostro programma. Non sarà certo il Pelaia di turno a scalfire l’attività posta in essere da questa maggioranza egregiamente guidata dal sindaco Mimmo Donato.

Certamente non seguiremo i suggerimenti di chi ha dimostrato i propri limiti sotto il profilo  politico e amministrativo, passando alla storia per aver dato vita al periodo più buio della politica chiaravallese. I risultati di questa maggioranza sono tangibili, a prescindere dalle sterili accuse del forzista Pelaia che tenta invano di inserirsi nella mischia fotografando il filo d’erba e la lampadina fulminata”.

Il consigliere Claudio Foti si dichiara “sempre pronto e disponibile per un confronto pubblico con il consigliere Pelaia, per dimostrare come la sua azione politica sia, al solito, del tutto priva di sostanza e lontanissima dalla ricerca del bene di Chiaravalle.

Conoscendo il soggetto rifiuterà l’incontro poiché è consapevole di non saper reggere un contraddittorio con dati e fatti concreti, non parlando a vanvera”. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.