- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – Torna il mito della colonia estiva

Palazzo Staglianò, uno dei luoghi videosorvegliati [1]

Palazzo Staglianò, uno dei luoghi videosorvegliati

Organizzata dall’amministrazione comunale coinvolgerà 50 ragazzi di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni allo scopo di favorirne l’integrazione sociale

di f.p.

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – 20 GIUGNO 2014 – Sembravano essere passate di moda. Sembrava fossero solo un ricordo degli anni ’70 e ’80. E invece esistono ancora. C’è qualcuno che le organizza ancora.

Come si legge in una nota del sindaco Gregorio Tino <<è intenzione dell’amministrazione comunale istituire una colonia estiva per dare ai ragazzi del posto l’opportunità di momenti di incontro sociale e favorire l’integrazione>>.

L’iniziativa verrà organizzata in turni e si svolgerà dall’1 al 15 luglio e dal 16 al 30 luglio prossimo. interesserà 50 ragazzi.

I genitori dei 50 ragazzi che potranno prenderevi parte, di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni ( nati tra l’ 1.07.2003 ed il 30.06.2006 ), possono inoltrare richiesta di adesione compilando l’apposito modello che potrà essere ritirato presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Chiaravalle Centrale, tutti i giorni lavorativi (escluso il sabato) dalle ore 10 alle ore 12, 30. oppure può essere scaricato direttamente dal sito internet www.comune.chiaravallecentrale.cz.it [2].

Le domande dovranno pervenire, presso la sede municipale, entro e non oltre il prossimo 26 giugno mentre il sorteggio avrà luogo, sempre presso la casa comunale, il giorno successivo alle ore 12.

<<Per concretizzare la finalità dell’integrazione sociale – aggiunge il sindaco- 25 posti saranno riservati e scelti sulla base dei redditi dalle richieste inoltrate, i restanti 25 posti verranno sorteggiati tra tutte le domande presentate. Nell’eventualità di un numero di adesioni inferiori o pari ai posti messi a bando, saranno accolte tutte le domande presentate nei modi e nei termini previsti. L’insubordinazione dei ragazzi, richiamati dagli operatori per comportamenti a salvaguardia dell’incolumità individuale e/o collettiva, se reiterata comporterà la revoca della fruizione del servizio>>.