Stampa Stampa
34

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – NOMINA RESPONSABILI SETTORE, TINO REPLICA A FOTI


Riceviamo e pubblichiamo nota del consigliere comunale di minoranza Gregorio Tino (“Oltre”)

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – 13 SETTEMBRE 2016 –  «Se bastasse l’arroganza, la prepotenza e la doppiezza di “Foti & C.” per risolvere i problemi di Chiaravalle, non esiterei un solo istante a farmi da parte; purtroppo per il paese così non è! Tutto il livore delle reazioni puerili e scomposte del Sindaco (che avrà opportuno ed adeguato trattamento dai Consiglieri Comunali di opposizione in sede separata) e del suo guardaspalle, altro non sono che un maldestro tentativo di distogliere l’attenzione dalla recente magra figura e di evitare la doverosa assunzione di responsabilità sulle irregolarità e le illegittimità, oltre che sui danni conseguenti, per la grave omissione sulla nomina dei Responsabili di Settore.

A tal fine Foti, in preda ad uno stato di disperato nervosismo, seguendo la condotta che da sempre lo contraddistingue, ha preso a sputare sentenze attaccando, senza rendersene conto, le amministrazioni che lui stesso nel passato ha sostenuto politicamente e non solo, dalle quali è stato abbondantemente foraggiato e delle quali facevano parte il Sindaco attuale ed il maggior ispiratore e sostenitore della sua lista. Se solo per un attimo, invece di ergersi sempre a fustigatore, guardasse alla doppiezza, alle contraddizioni, alla incoerenza della condotta politica e amministrativa posta in essere nei primi cento giorni di amministrazione, potrebbe (dovrebbe) chiedere scusa e sparire definitivamente, altro che invitare gli altri alle dimissioni!».

Infatti: dall’opposizione invitava con volantini ed interrogazioni l’allora amministrazione a tagliare l’indennità di carica ma, una volta giunto al governo, decide, coerentemente, di trattenersela per intero; dall’opposizione accusava l’amministrazione di utilizzare i voucher per il reclutamento di personale avventizio in maniera poco trasparente e, giunto al Governo, sempre attraverso i voucher, arruola direttamente un dipendente del comune in pensione ed il segretario di un partito che ha sostenuto la sua lista in campagna elettorale; dall’opposizione, attraverso interrogazioni, volantini, esposti, metteva sotto la lente di ingrandimento la gestione del campo di calcetto, del campo di tennis e del chiosco di Loc. Foresta accusando di inadempienze ed irregolarità l’allora affidatario e l’amministrazione comunale; oggi, giunto al governo, evita accuratamente ogni attività di controllo consentendo una gestione ed un utilizzo delle strutture a dir poco “inappropriati” e “disinvolti”;  dall’opposizione attaccava l’amministrazione per la nomina dei dirigenti che riteneva inadeguati, inopportuni, inefficienti, costosi e che accusava pubblicamente di falsità in atti arrivando a minacciare in campagna elettorale e anche successivamente di procedere alla loro eliminazione; l’epilogo di questo capitolo è la triste, patetica storia recente, 9 settembre 2016, della nomina (conferma) degli “incriminati” Dirigenti.

 Potremmo continuare ma l’umana pietà suggerisce di non aggiungere altro e di stendere un lenzuolo pietoso. Una sola, ultima, precisazione sul dissesto finanziario del comune: non c’è nessuna necessità ora di investire organi esterni di controllo in quanto, in sede di deliberazione, ho provveduto io stesso a trasmettere tutti i documenti alla Procura della Repubblica e alla Procura Generale della Corte dei Conti propiziando, oltretutto, l’insediamento di una Commissione al Comune.

Attendo pazientemente l’accertamento delle reali responsabilità; sarà il trionfo della verità e della giustizia!».

Gregorio TINO Consigliere Comunale

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.