Stampa Stampa
17

CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – CONSULTA COMUNALE CULTURA DICE SI’ A MOBILITAZIONE PRO CASA DELLA SALUTE


Solidarietà e vicinanza nei confronti del sindaco, Mimmo Donato, che da diversi giorni sta occupando la struttura sanitaria in segno di protesta contro le lungaggini della burocrazia regionale

 di REDAZIONE

 CHIARAVALLE CENTRALE (CZ) – 29 SETTEMBRE 2017 –  L’assemblea della Consulta comunale della Cultura di Chiaravalle Centrale, riunitasi presso la sede municipale, ha espresso la propria adesione unanime alla mobilitazione in atto per sollecitare la riconversione dell’ex ospedale “San Biagio” in Casa della Salute.

 Solidarietà e vicinanza nei confronti del sindaco, Mimmo Donato, che da diversi giorni sta occupando la struttura sanitaria in segno di protesta contro le lungaggini della burocrazia regionale. L’assise ha espresso anche il proprio cordoglio nei confronti del presidente della locale sezione Uildm, Giovanni Sestito, colpito nelle ultime ore da un grave lutto in famiglia. L’ordine del giorno, introdotto dalla segretaria Caterina Menichini, si è aperto con l’approvazione del verbale della seduta precedente.

 E’ seguita una breve relazione del presidente, Francesco Pungitore, il quale ha descritto i risultati ottenuti nell’ultimo semestre di attività. Tra i punti qualificanti, il riavvio della Biblioteca comunale, oggetto di importanti lavori di adeguamento strutturale e di abbattimento delle barriere architettoniche. Si è parlato anche di problematiche associative, dell’ampliamento della base partecipativa e della necessità di rendere ancora più importante il ruolo dell’assemblea, con incontri ripetuti a cadenza mensile.

 Numerosi gli interventi e i contributi finalizzati a predisporre un nuovo programma di iniziative per i prossimi mesi. Tra gli altri, hanno preso la parola: Ulderico Nisticò, Pino Tropea, Paola Sangiuliano, Vincenzo Macrì, Paolo Macrì, Maria Patrizia Sanzo e Fernando Catrambone. Si è ribadita la volontà di installare due targhe commemorative, in città, per ricordare Franco Candiloro e Ciccio Maida, due figure importanti del teatro chiaravallese.

 Proprio sul teatro si è incentrata buona parte della discussione, rimarcando la necessità di una maggiore considerazione e di un più attivo coinvolgimento delle realtà associative locali nei programmi futuri dell’amministrazione comunale. Vincenzo e Giampaolo Macrì hanno anticipato i contenuti di un importante progetto in ambito musicale, che vedrà la luce nel mese di agosto del 2018, ricevendo il plauso e il sostegno dell’intera Consulta.

 Tra gli impegni a breve termine, il prossimo 10 ottobre la città di Chiaravalle ospiterà una tappa del “Tropea Festival Leggere e Scrivere”, con la presentazione del libro dell’antropologo Vito Teti “Quel che resta”.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.